Immigrazione, Gabriel: Inazione Ue porta anche Germania al limite

Berlino (Germania), 13 set. (LaPresse) - "L'inazione europea nella crisi dei rifugiati ora porta anche la Germania al limite delle sue possibilità. La prima causa non è il numero di rifugiati, ma la velocità con cui arrivano, cui i Land e le città hanno difficoltà a far fronte". Lo ha dichiarato il vicecancelliere e ministro dell'Economia della Germania, Sigmar Gabriel, parlando al quotidiano Tagespiegel.

"Germania ed Europa dovrebbero mettere insieme aiuti di emergenza per 1,5 miliardi di euro, per cibo, rifugio e soprattutto per scuole nei più grandi campi profughi", ha detto ancora Gabriel. Ha aggiunto che "Stati del Golfo e Stati Uniti sono chiamati a sostenere i rifugiati nei campi, con la stessa cifra". Secondo il vicecancelliere, "non può essere accettabile che centinaia di miliardi di euro siano stati usati per salvataggi di banche in poche settimane, ma che la comunità internazionale non riesca a mettere insieme una frazione di quelle cifre per salvare delle vite".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata