Il killer Charles Manson portato in ospedale dal carcere: è grave
Sta scontando l'ergastolo per i delitti commessi coi suoi seguaci

Il serial killer Charles Manson, 82 anni, è stato portato oggi in un ospedale californiano, poiché gravemente malato, uscendo così dalla prigione dove sta scontando l'ergastolo per i suoi omicidi. A riferire la notizia è stato il Los Angeles Times. Il quotidiano ha citato "due persone che hanno familiarità con la situazione", non facendo tuttavia riferimento a quale grave malattia che abbia causato il ricovero di Manson.  

Il dipartimento carcerario della California non ha rivelato i dettagli sulla salute del serial killer per motivi legali, ma ha detto che "è vivo", rifiutando invece di commentare il suo presunto trasferimento in un ospedale per motivi di sicurezza.  Manson è noto per aver sconvolto Hollywood e gli Stati Uniti nell'agosto del 1969 quando lui e i suoi seguaci, conosciuti come "la famiglia Manson", massacrarono sette persone.

Tra le vittime anche l'attrice Sharon Tate, all'epoca in attesa di un figlio del regista Roman Polanski. Gli assassini utilizzarono il sangue delle vittime per scrivere messaggi sui muri dicendo di aver seguito le "istruzioni" ascoltate nella canzone dei Beatles "Helter Skelter".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata