Il folle Halloween di New York

Dalla nostra corrispondente Valeria Rubino

New York (New York, Usa), 1 nov. (LaPresse) - La New York's Village Halloween Parade, alla sua trentanovesima edizione, è tornata ad animare le strade di Manhattan. Dalle 19 alle 22, oltre 50.000 persone in maschera hanno sfilato sulla 6th avenue a piedi o sui carri da Spring Street alle 16ma strada, per quasi due chilometri. I costumi non mancano di creatività. "Sono un idrante si cui un cane urina, come accade spesso al lavoro" dice a LaPresse Sara. "Oggi sono Monica Lewinski e mio marito è Bill Clinton" dice a LaPresse Marika Bolt. E poi un enorme E.T., Hansel e Gretel, Harry Potter, tanti superman e scheletri, calamari, animali vari ed un carro con giocatori di football e cheerleader.

"Sono una lavatrice. Ci ho messo quattro notti a preparare questo travestimento" dice Jonathan. Non mancano le bande musicali ed i pupazzi. Tutti sono invitati a partecipare, purché siano mascherati. La parata è una tradizione di New York dal 1974 ed è la più grande celebrazione di Halloween al mondo. New York's Village Halloween Parade è la sola parata notturna in città, un modo unico di festeggiare Halloween. Sfilano anche tanti cast degli show di Broadway, tra cui 'Silence the musical', che ha come protagonista uno spaventoso Hannibal Lecter, ed il nuovo musical sulle squadre di basket e le cheerleader, 'Lysistrata Jones'.

Una cosa è certa: non sono solo i bambini a mascherarsi. Al contrario, la grande maggioranza della gente che partecipa alla sfilata per le strade di New York ha tra i 20 e i 50 anni. La parata di quest'anno ha avuto un significato speciale per alcuni attivisti ed artisti, che hanno deciso di unirsi alla sfilata creando un gruppo chiamato 'Occupy Halloween' con l'obiettivo di diffondere il messaggio di Occupy Wall Street ai due milioni di spettatori.

I festeggiamenti per la notte dei morti viventi non si sono fermati dopo la fine della Village Parade. Tanta gente è rimasta in strada mascherata ed ha affollato i ristoranti di Soho e del Village, per poi dirigersi nei numerosissimi locali che organizzavano feste a tema. Il club esclusivo di Manhattan Henrietta Hudson ha ospitato Zombieland, nottata danzante in maschera per celebrare Halloween con musica, alcol e atmosfera da brivido.

La festa più sfrontata e folle è stata però al 'Webster Hell', l'after party ufficiale proprio della Village Halloween Parade, che ha invaso i quattro piani dell'antico locale Webster Hall di Manhattan. Le sale erano piene di vampiri affamati e mostri danzanti in aria in cerca delle prossime vittime. Bestie di ogni tipo e demoni spaventavano le masse a partire dalle 21. Spettacoli con il fuoco incantano le anime in pena che affollavano la discoteca-inferno, con musica per tutti i gusti: hip hop, tecno, house, rock, a seconda delle sale. A mezzanotte, una vergine è stata scelta contro la sua volontà tra la folla, spogliata e sacrificata alla dea demone di Halloween. E poi verso le due, un'insuperabile gara di costumi. Non maschere normali, ma mostri giganteschi, donne androidi quasi nude, creazioni estreme della fantasia.

L'evento è di sicuro la serata con i costumi più stravaganti, sexy, perversi, disturbati, geniali di tutta New York. Gli sforzi per vincere la gara, che siano di fantasia o di portafoglio, sono enormi ed il motivo è chiaro: il primo classificato vince 5000 dollari, il secondo 2000 ed il terzo 1000. Tutto in contanti ed è il pubblico a scegliere con le proprie urla. Quest'anno un uomo-lupo mostruoso di oltre tre metri si è aggiudicato la vittoria, seguito da un'enorme macchina-uomo spaziale con in mano una trivella roteante e da una coppia di mostri pelosi giganteschi. La gente è in delirio. La musica è ripresa e lo spettacolo non è finito: verso le tre il pubblico sperimenta il basement bloodbath, bagno di sangue nel sotterraneo: la gente ballava sotto la luce violenta dei laser ed il pavimento viene inondato con litri di liquido rosso. Sangue umano, dicono gli organizzatori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata