Il Cern taglia i rapporti con il fisico italiano accusato di sessismo

"La fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, l'ingresso non è su invito", aveva detto Alessandro Strumia ad un workshop a settembre

Il Cern, l'organizzazione europea per la ricerca nucleare, ha deciso di tagliare i rapporti con il fisico italiano Alessandro Strumia per le sue dichiarazioni accusate di sessismo che rilasciò a un workshop del Cern a settembre, quando disse che "la fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, l'ingresso non è su invito". A riportarlo è la Bbc, spiegando che il Cern ha deciso di non estendere lo status di guest professor di Strumia. A ottobre lo scienziato era stato sospeso dall'Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn). A gennaio di quest'anno, poi, il Senato accademico dell'università di Pisa aveva imposto al professore la sanzione etica del richiamo pubblico.

"Si è indagato sull'incidente alla luce di Regole e regolamenti interni, nonché del Codice di condotta dell'organizzazione, che è basato sui valori chiave del Cern", ha fatto sapere l'organizzazione con sede a Ginevra, aggiungendo che "come conseguenza di questa indagine e a seguito della decisione presa dall'università di Pisa il Cern ha deciso di non estendere a Strumia lo status di guest professor". "Il Cern riafferma il suo impegno per la fondamentale importanza del rispetto e della diversità sul posto di lavoro", comunica ancora. Strumia aveva negato la discriminazione delle donne nel campo scientifico, sostenendo anzi che ci fosse una discriminazione degli uomini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata