Hong Kong, per Cina primarie sono una 'grande provocazione'

Milano, 14 lug. (LaPresse) - La Cina ha definito una "grave provocazione" le primarie dei partiti pro-democrazia di Hong Kong, avvertendo che alcuni attivisti potrebbero aver violato la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta alla città. Secondo quanto riporta il Bangkok Post e altri media asiatici, l'Ufficio di collegamento di Pechino - che rappresenta il governo cinese a Hong Kong - in una nota ha commentato: "Questa è una seria provocazione contro l'attuale sistema elettorale". Più di 600.000 cittadini di Hong Kong si sono presentati nel fine settimana per scegliere i candidati per le imminenti elezioni legislative, nonostante gli avvertimenti dei funzionari del governo sul fatto che l'evento potesse violare la nuova legge di Pechino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata