Hong Kong, manifestanti rafforzano barricate con aiuto operai edili

Hong Kong, 13 ott. (LaPresse/AP) - I manifestanti per la democrazia a Hong Kong hanno rafforzato le loro barricate dopo che una folla inferocita oggi ha cercato di romperle per porre fine alle proteste. Grazie all'aiuto di alcuni operai edili, i manifestanti hanno impiegato pellicole e fascette in plastica per costruire un ponteggio di bambù come struttura difensiva lungo la strada principale. "Gli operai edili ci hanno insegnato come costruire le griglie e legare i pali insieme in modo che la struttura sia forte. Abbiamo lavorato per ore", ha spiegato un dimostrante, John Lam, di 26 anni. Uno dei lavoratori ha raccontato di aver voluto aiutare gli studenti perché era arrabbiato con la polizia per l'utilizzo di gas lacrimogeni sui manifestanti. "Un gruppo di noi ha organizzato una colletta per comprare bambù e ha eretto barricate per proteggere gli studenti. Tornerò domani e continuare a fare quello che posso per aiutare", ha dichiarato.

Intanto, Alcune persone che oggi hanno caricato i manifestanti a Hong Kong sarebbero state pagate per interrompere le proteste. La notizia si è diffusa dalla stazione di una radio locale in cui un uomo ha dichiarato di essere un tassista e di essere stato pagato 258 dollari per partecipare all'assalto. Non è però chiaro dove sia avvenuto il presunto pagamento e soprattutto da parte di chi. Oggi, una folla arrabbiata composta da diverse centinaia di persone ha provato a caricare le barricate utilizzate dai manifestanti pro democrazia per occupare parte del centro. 'Aprite la strada', cantava il gruppo tenuto indietro da un cordone di poliziotti. Negli sconti la polizia ha riferito di aver arrestato tre persone tra i 18 e 47 anni con l'accusa di aggressione e possesso di armi. 'Occupy central è illegale', gridava ancora la folla in riferimento a uno dei nomi del movimento pro democrazia. Alla protesta contro i manifestanti si sono uniti anche alcuni conducenti di taxi, alcuni dei quali hanno guidato i loro veicoli contro le barricate e hanno suonato insistentemente il claxon per esprimere la loro rabbia sui disagi nel traffico provocati dai sit-in. Uno dei dimostranti, Alex Kwok, ha detto di essere stato graffiato al braccio dopo essere stato aggredito da alcuni uomini, che lui accusa di essere membri delle triadi, cioè di gang del crimine organizzato. "Prima che la polizia arrivasse, giovani uomini a volto coperto e con abiti scuri sono venuti per attaccare brighe con la gente e abbiamo sentito che alcuni di loro avevano armi", ha raccontato uno studente che ha assistito ai tafferugli, Kevin Ng. "Non so chi fossero i giovani a volto coperto, sospettiamo che fossero membri delle triadi ma è dura dirlo. Che altro gruppo si organizzerebbe per venire ad attaccarci?", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata