Gli Usa all'Onu: "Guerra più vicina. Se ci sarà, la Corea del Nord verrà distrutta"
Il discorso di Nikky Halley all'Onu dopo il lancio del missile nordcoreano. Gli Usa chiedono alla Cina di bloccare le forniture petrolifere. Trump: "Kim cagnolino malato"

Gli Usa hanno avvertito la leadership della Corea del Nord che sarà "completamente distrutta" se la guerra dovesse esplodere, dopo che Pyongyang ha testato il suo missile balistico intercontinentale, mettendo la terraferma degli Stati Uniti nel raggio d'azione.

Parlando alla riunione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, l'ambasciatore degli Stati Uniti Nikki Haley ha avvertito: "Non abbiamo mai cercato la guerra con la Corea del Nord, e ancora oggi non la cerchiamo, se la guerra arriverà, sarà per le continue aggressioni come quella di ieri... Queste cose avvicinano purtroppo il mondo alla guerra, non lo allontanano. E se la guerra arriverà, non commettere errori, Il regime nordcoreano sarà completamente distrutto".

Haley ha detto che gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di tagliare la fornitura di petrolio alla Corea del Nord, un passo drastico che Pechino - il vicino del nord e l'unico principale partner commerciale - si è finora astenuto dal fare. Il presidente Trump e il presidente cinese Xi Jinping hanno parlato al telefono ieri. "Ho appena parlato con il presidente Xi Jinping della Cina in merito alle azioni provocatorie della Corea del Nord e ulteriori gravi sanzioni saranno imposte oggi alla Corea del Nord. Gestiremo questa situazione!" ha scritto Trump su Twitter.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata