Giappone, ok preliminare a riapertura 2 reattori in centrale di Sendai

Tokyo (Giappone), 16 lug. (LaPresse/AP) - Due reattori della centrale nucleare giapponese di Sendai rispettano i requisiti di sicurezza imposti dopo il disastro del 2011 nell'impianto di Fukushima e potrebbero essere riaccesi a breve. Lo ha deciso la Nuclear Regulation Authority giapponese, approvando un rapporto di 418 pagine in cui sono state illustrate le modifiche introdotte nell'impianto per rispettare i nuovi standard introdotti un anno fa. La centrale, ha fatto sapere l'authority, è ora in grado di evitare incidenti gravi ed è quindi possibile passare alla prossima tappa, ossia un periodo di 30 giorni in cui saranno raccolti commenti dei cittadini prima dell'approvazione finale della riapertura il 15 agosto. Il presidente dell'authority nucleare, Shunichi Tanaka, ha affermato che si tratti di "un passo importante", ma il suo intervento è stato interrotto più volte da manifestanti che protestavano contro il nucleare. Per il momento tutti e 48 i reattori giapponesi restano spenti per controlli di sicurezza e riparazioni, decise dopo il terremoto e tsunami del 2011. Il primo ministro Shinzo Abe sta spingendo per la riapertura di almeno alcuni degli impianti nonostante una forte opposizione dell'opinione pubblica, affermando che la chiusura sia dannosa per l'economia del Paese. Ci vorranno comunque alcuni mesi prima dell'effettiva riapertura dei reattori della centrale di Sendai, situata a 1000 chilometri a sudovest di Tokyo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata