Germania, Wulff: Telefonata a Bild fu errore, ma non mi dimetto

Berlino (Germania), 4 gen. (LaPresse/AP) - La telefonata fatta al direttore del quotidiano Bild in merito all'inchiesta su un prestito ricevuto nel 2008 è stato "un serio errore e mi scuso per questo". Lo ha detto il presidente tedesco Christian Wulff, intervistato dalle televisioni Ard e Zdf. Alla domanda se in seguito allo scandalo ha intenzione di dimettersi, Wulff ha risposto: "No". Il 13 dicembre la Bild pubblicò un articolo in cui rivelava che il presidente nel 2008, quando ancora era governatore della Bassa Sassonia, aveva accettato un prestito di 500mila euro dalla moglie di un amico, a un tasso inferiore rispetto a quello di mercato. La settimana successiva Wulff ha chiesto scusa per la vicenda. Ma in questi giorni il caso si è nuovamente accesso per le rivelazioni secondo cui, poco prima della pubblicazione dell'inchiesta della Bild, il presidente telefonò al direttore della testata per evitare che l'articolo uscisse, minacciando azioni legali in un messaggio lasciato in segreteria telefonica.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata