Germania, terrorista aggredisce poliziotta a Berlino: ucciso. Era in libertà vigilata

Berlino (Germania), 17 set. (LaPresse) - Un uomo di 41 anni ha attaccato una poliziotta con un coltello a Berlino, nel quartiere di Spandau, ed è stato poi ucciso a colpi d'arma da fuoco dalla polizia. Lo riporta la stampa locale. Secondo informazioni filtrate dalla procura, si tratterebbe di un uomo di origini irachene, Rafik Y., vicino ad ambienti islamisti. Il 41enne, che abitava a Berlino, avrebbe partecipato nel 2004 alla pianificazione di un attentato, che fu sventato, contro l'allora presidente dell'Iraq Iyad Allawi durante una visita in Germania.

In una conferenza stampa la procura ha fatto sapere che l'uomo era stato condannato nel 2008 a pena detentiva dal tribunale di Stoccarda, nel sud della Germania, e si trovava adesso in libertà vigilata, ragion per cui portava un braccialetto elettronico alla caviglia. Aveva però staccato il braccialetto stamattina. Sempre secondo la procura, era considerato "altamente aggressivo" dopo avere recentemente minacciato una giudice. L'aggressione alla poliziotta è avvenuto poco dopo le 10 di stamattina, dopo che alcuni passanti hanno avvertito la polizia della presenza di un uomo sospetto armato di coltello e che avanzava minacce a Spandau, alla periferia di Berlino.

Subito dopo la segnalazione è stato organizzato un dispositivo di polizia nella zona per provare ad arrestare l'uomo. Una coppia di agenti lo ha identificato e si è avvicinata ed è stato in questo momento che, secondo quanto riferisce la procura, il 41enne si è lanciato contro la poliziotta ferendola con il coltello. Le forze di polizia hanno esploso diversi colpi, ma non è chiaro se a sparare sia stato un solo agente o più di uno. L'uomo è morto poco dopo, mentre la poliziotta è stata trasferita in ospedale in elicottero.


© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata