Germania, fallite le trattative per la coalizione: si rischia il ritorno alle urne
Il leader della Fdp: "E' meglio non governare che farlo nel modo sbagliato"

Gli sforzi di Angela Merkel per formare un Governo di coalizione a tre sono falliti, spingendo la Germania verso una crisi politica e portando la più grande economia europea verso nuove possibili elezioni. La cancelliera tedesca, dopo settimane di trattative del suo partito Cdu con Fdp e Verdi, prende con dispiacere la notizia della decisione del partito liberale di sfilarsi dai colloqui per differenze inconciliabili. "E' una giornata di profonda riflessione sul modo in cui andare avanti in Germania", ha detto la cancelliera, spiegando che farà "di tutto per garantire che questo Paese sia ben gestito nelle difficili prossime settimane".

"Non ci sono stati progressi ma, piuttosto, battute d'arresto, perché sono stati messi in discussione impegni specifici. E' meglio non governare che farlo nel modo sbagliato", ha detto il leader della Fdp Christian Lindner parlando con i cronisti.

E il partito socialdemocratico tedesco Spd ha fatto sapere di continuare a non essere disponibile a unirsi alla Cdu per una Grosse Koalition, anche dopo il fallimento dei colloqui. "Dati i risultati delle elezioni del 24 settembre, non siamo disponibili a entrare in una Grande coalizione" e "non abbiamo paura di nuove elezioni", si legge nel documento.

Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, che oggi ha incontrato Merkel, preme invece per una nuova fase di dialogo. "Tutti i partiti politici eletti al Parlamento tedesco hanno un obbligo verso l'interesse comune di servire il nostro Paese" e "mi aspetto da tutti che siano pronti al dialogo per raggiungere un accordo su un governo possibile nel prossimo futuro". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata