Germania, 26enne segregata in casa da anni: polizia la libera
Il presunto sequestro è stato scoperto durante uno sfratto. La ragazza era tenuta prigioniera dalla madre

La polizia tedesca ha liberato una donna di 26 anni con disabilità mentale che era stata tenuta prigioniera per anni dalla madre in condizioni disumane in una casa di Rosenheim, in Baviera. Lo riferisce la stessa polizia. Il presunto sequestro è stato scoperto in modo accidentale dopo che la madre, 54 anni, è caduta dalla scala dell'edificio mentre stavano per entrare nel suo appartamento gli agenti esecutori dello sfratto. 

Dopo l'arrivo di una squadra medica per curare le ferite, gli agenti hanno scoperto che una delle stanze della casa era chiusa a chiave e, dopo averla forzata, hanno trovato all'interno la figlia. La giovane, che riusciva appena ad esprimersi, è stata trasferita in un ospedale psichiatrico e, secondo le prime indagini, tutto fa pensare appunto che fosse chiusa nella stanza da anni. Le due donne erano le uniche abitanti dell'immobile e, secondo un vicino, la madre respingeva ogni tipo di aiuto nonostante le condizioni precarie in cui viveva.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata