Georgia, commando libera 5 ostaggi, ma 14 vittime tra agenti e insorti

Tbilisi (Georgia), 29 ago. (LaPresse/AP) - Almeno tre membri delle forze speciali georgiane e 11 militanti sono rimasti uccisi oggi durante un'operazione mirata alla liberazione di alcuni ostaggi, tenuti prigionieri dagli insorti lungo il confine con la Russia. Lo rendono noto le autorità georgiane, precisando che l'operazione è stata lanciata oggi dopo che i militanti islamici, provenienti dal Dagestan, hanno attraversato il confine con la Georgia sequestrando appunto cinque. Il vice ministro dell'Interno di Tbilisi, Nodar Kharshiladze, ha dichiarato ad Associated Press che i militanti hanno liberato i prigionieri ma hanno aperto il fuoco sulle forze di sicurezza che li avevano invitati ad arrendersi. Il bilancio dei morti è stato confermato da Kharshiladze, mentre la stazione tv georgiana Imedi ha aggiunto che diversi militanti sono rimasti feriti. Si ritiene che gli ostaggi fossero tutti civili.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata