G8, attesi duemila dimostranti: polizia Nord Irlanda non teme violenze

Enniskillen (Irlanda del Nord), 16 giu. (LaPresse/AP) - I comandanti di polizia dell'Irlanda del Nord si dicono ottimisti sul fatto che il summit del G8 che aprirà domani nell'esclusivo Lough Erne Resort di Fermanagh, su un lago, resterà pacifico. Solo duemila manifestanti sono infatti attesi nella remota località, che sorge su una penisola, vicino alla città di Enniskillen. Più numerosi, ben settemila, sono invece gli agenti incaricati di occuparsi della sicurezza del leader mondiali che terranno la due giorni di incontri.

Il commissario capo Matt Baggott e il suo vice incaricato di controllare la sicurezza del G8, Alistair Finlay, prevedono una scarsa partecipazione di manifestanti stranieri e non temono violenze. I dimostranti dovrebbero marciare domani sera dal centro di Enniskillen fino alle barriere che impediscono l'accesso al resort, dove i leader mondiali saranno impegnati per una cena di lavoro. La polizia si dice inoltre convinta che molti manifestanti stranieri abbiano preferito recarsi in Turchia per unirsi alle proteste contro il governo di Recep Tayyip Erdogan.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata