Francia, morto a 73 anni lo chef stellato Joel Robuchon
Era il cuoco con il maggior numero di stelle Michelin al mondo. Da tempo era malato di cancro

Joel Robuchon, lo chef stellato più famoso del mondo che ha abbattuto le pareti della cucina per dare nuove idee all'arte della haute cuisin, è morto a 73 anni. Robuchon, acclamato come uno dei quattro "chef del secolo" dalla bibbia del settore 'Gault & Millau' nel 1990, ha fondato una serie di ristoranti che hanno rivoluzionato la cucina raffinata in tre continenti, ottenendo un record di 31 stelle Michelin. Da Tokyo a Parigi, passando per Macao, i buongustai fanno la fila per sedersi nei suoi ristoranti L'Atelier, dove possono vedere gli chef in azione, appollaiati su sgabelli alti e appoggiati ad un bancone a forma di U.

Secondo il quotidiano Le Figaro, lo chef è morto di cancro in Svizzera, a Ginevra. La sua morte è stata confermata con un tweet dal portavoce del governo francese Benjamin Griveaux. "Joel Robuchon, uno chef visionario che è stato il più famoso al mondo, ci ha lasciati oggi. Da Parigi a Shanghai, il suo savoir-faire è stato una forma d'arte che ha fatto risplendere la gastronomia francese e continuerà ad ispirare anche la prossima generazione di chef", ha scritto Griveaux. Il mondo dell'alta cucina piange la scomparsa di Rebuchon, dopo avere già perso ad inizio anni Paul Bocuse e, più recentemente, il celebre chef e compagno di Asia Argento Anthony Bourdain.

Nato nel 1945 nella città di Poitiers da un padre muratore e una madre casalinga, la sua prima vocazione era il sacerdozio. Ma mentre cucinava per i seminaristi, scoprì la passione per il cibo e a 15 anni entrò nel mondo dei ristoranti. Perfezionista fin dall'inizio, si guadagnò rapidamente un nome nel mondo della nouvelle cuisine e all'età di 30 anni iniziò a gestire una cucina da 90 persone presso l'hotel Concorde Lafayette a Parigi. Fra le sue creazioni più celebri, la crostata al tartufo, la crema di cavolfiore con caviale e ravioli di aragosta. Ma, allo stesso tempo, elevò la patata come ingrediente grazie alla sua purée liscia e burrosa. I riconoscimenti - e le stelle Michelin - arrivarono velocemente, e a 51 anni Robuchon dichiarò che non voleva morire di stress. E così, nel 1996, si ritirò. "Guarderò crescere i miei figli e i miei nipoti, amerò mia moglie, i miei amici e le cose belle della vita", disse a Le Figaro. Da quel momento, il passo agli studi televisivi fu breve, come ospite in vari programmi.

Tornò in cucine nel 2003 con il concept Atelier, che debuttò a Parigi, Tokyo, Londra, Las Vegas e New York, ispirato ai banconi da sushi giapponesi e ai bar di tapas spagnoli, rendendo i ristoranti stellati più accessibili. "I tempi sono cambiati, i consumatori sono alla ricerca di una cucina meno sofisticata, di un luogo dove si mangi bene", disse. Tra i suoi discepoli c'era il famoso chef britannico Gordon Ramsay.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata