Francia, Hollande: No finanziamento pubblico a moschee
La possibilità non era stata esclusa dal premier Manuel Valls

Il presidente francese, François Hollande, ha chiuso la porta a qualsiasi finanziamento pubblico alle moschee nel Paese, possibilità che non era stata esclusa dal premier Manuel Valls. "Non sarà toccata la legge del 1905. Deve essere rispettata la legge del 1905", ha detto Hollande sulle leggi che hanno sancito la separazione tra Chiesa e Stato e vietato il finanziamento delle attività religiosa. Il presidente ha parlato nell'ultimo Consiglio dei ministri prima delle vacanze estive del governo, che prevede la prossima riunione per il 22 agosto. Ieri, su Liberation, Valls aveva sottolineato che "toccare la legge del 1905 aprirebbe un dibattito molto pericoloso", ma che "si devono analizzare tutte le soluzioni, senza impedirci una sorta di finanziamento pubblico".

Le discussioni sulle sovvenzioni alle moschee e ai centri di preghiera islamici fanno parte della lotta lanciata dalle autorità contro la radicalizzazione islamista, a seguito dei recenti attentati in territorio francese. Il nuovo quadro istituzionale passerà per la creazione di una "fondazione" con cui finanziare i centri che ora ricevono denaro in gran parte da Paesi stranieri cui si attribuisce una concezione religiosa lontana da quella francese.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata