Francia, assalto a soldatessa a Orly: ucciso un uomo. Si indaga per terrorismo
Ha urlato "sono qui per morire per Allah". Fermati i parenti dell'assalitore

Paura a Parigi, dove all'aeroporto Orly un uomo ha tentato di rubare l'arma a una soldatessa prima di essere ucciso da altri militari. Poco prima il sospettato, forse musulmano radicalizzato, aveva sparato contro una pattuglia stradale, ferendo un agente. La procura non esclude atto terroristico L'uomo che è stato ucciso ha urlato "Posate le armi, mani in alto! Sono qui per morire per Allah". Lo ha dichiarato il procuratore di Parigi, citato da Bfmtv. Aveva, inoltre, con sé una tanica di benzina. 

INDAGINI PER TERRORISMO. La scelta dell'obiettivo, i segnali di radicalizzazione dell'assalitore, giustificano il fatto che sull'attacco di questa mattina all'aeroporto di Parigi Orly siano condotte indagini per terrorismo. Lo ha dichiarato il procuratore di Parigi, François Molins, aggiungendo che l'uomo che ha attaccato i soldati era in libertà vigilata. L'assalitore ha minacciato di prendere in ostaggio delle persone "in nome di Allah" in un bar di Vitry-sur-Seine, ha riferito Bfmtv, prima di arrivare all'aeroporto dove è stato ucciso.

Molins ha anche confermato che l'assalitore ha "lanciato a terra un borsone che conteneva degli idrocarburi", come aveva fatto sapere Le Parisien in precedenza parlando di una tanica di benzina che l'uomo avrebbe avuto con sé. Inoltre, il procuratore ha precisato che sono stati trovati "fiammiferi e un pacchetto di sigarette". L'aggressore dei soldati era stato condannato a tre anni per traffico di stupefacenti nel 2009 e poi a 5 anni", ha aggiunto Molins.

FERMATI PADRE, FRATELLO E CUGINO.  ll padre, il fratello e un cugino dell'assalitore dell'aeroporto di Orly sono in stato di fermo. Lo ha fatto sapere il procuratore di Parigi, François Molins, citato dai media francesi. Ha aggiunto che l'uomo era stato oggetto di una perquisizione dopo gli attentati di Parigi. Gli erano state sequestrate quattro chiavette Usb, ma la misura "non aveva portato a nulla", ha detto ancora.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata