Tifone Mangkhut arrivato in Cina: 60 morti tra Filippine e Taiwan

Allarme massimo per la tempesta a Hong Kong

È salito a 59 morti il bilancio del passaggio del tifone Mangkhut nel nord delle Filippine, a cui si aggiunge una donna morta sabato a Taiwan. Dopo essersi abbattuto sulle zone agricole del nord dell'isola di Luçon, la più grande dell'arcipelago filippino, provocando inondazioni e frane, Mangkhut ha seminato il caos a Hong Kong, dove ha provocato circa 200 feriti. Ha poi colpito Macao e ha toccato la terraferma nella città costiera di Jiangmen, nel sud della Cina, nella provincia di Guangdong. I media cinesi hanno soprannominato Mangkhut "il re delle tempeste".

Nelle Filippine è in corso la stima dei danni. Nella città settentrionale di Baggao, la tempesta ha fatto crollare case, strappato tetti e linee elettriche. Alcune strade sono state bloccate da frane. Le fattorie di Luzon, che producono una gran parte del riso e del mais della nazione, colpite dalle inondazioni, hanno visto travolte dal fango le loro coltivazioni solo a un mese dal raccolto.

Una media di 20 tifoni e tempeste sferzano le Filippine ogni anno, uccidendo centinaia di persone e lasciandone milioni in uno stato di povertà quasi perenne. A causa di Mangkhut molti sono rimasti uccisi delle frane, una ragazza è annegata e una guardia di sicurezza è morta schiacciata da un muro. La tempesta più devastante del Paese è stata il Super Typhoon Haiyan, che nel novembre 2013 ha lasciato più di 7.350 morti o dispersi nelle Filippine centrali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata