Filippine, presidente Duterte insulta Obama: 'Figlio di p...'
In dubbio l'incontro bilaterale previsto a margine del vertice Asean in Laos

È scontro tra Barack Obama e il neo leader delle Filippine, Rodrigo Duterte. A dar fuoco alle polveri questa mattina è stato il presidente filippino che ha pesantemente insultato il presidente americano, definendolo un "figlio di p...". Immediata la risposta della Casa Bianca che ha messo in dubbio l'incontro bilaterale previsto a margine del vertice Asean in Laos.

Oggetto del contendere, un'eventuale ammonimento da parte di Obama sulla guerra anti-droga agli spacciatori che negli ultimi due mesi ha provocato oltre 2.400 morti nelle Filippine. "Devi portare rispetto, non solo sputare domande e dichiarazioni. Figlio di p..., ti insulterò durante quel summit", ha esordito il presidente filippino, mentre si stava imbarcando alla volta di Vientiane.

"È un uomo colorito", ha commentato Obama che si è limitato a incaricare il suo staff di capire se questo sia il momento giusto per avere "colloqui costruttivi".

Duterte ha vinto le lezioni presidenziali a maggio promettendo di reprimere il crimine e di una stretta contro la droga e gli spacciatori. La sua campagna è stata a lungo criticata dalle associazioni di diritti umani. E per paura di nuove accuse da parte di Obama, il presidente filippino ha messo le mani avanti. "Io sono un presidente di uno Stato sovrano che da tempo ha cessato di essere una colonia", ha commentato Duterte. "Chi è lui per confrontarsi con me? Ognuno dei nostri Paesi ha un terribile record di esecuzioni extragiudiziali".

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata