Filippine, Papa Francesco lascia isola Leyte in anticipo per maltempo

Manila (Filippine), 17 gen. (LaPresse/Reuters) - Papa Francesco ha lasciato l'isola di Leyte con quattro ore di anticipo a causa del maltempo, ed è tornato a Manila. In precedenza dopo il suo arrivo a Tacloban aveva incontrato i superstiti del tifone Haiyan, che ha causato la morte di 6.300 persone quattro mesi fa. "Vorrei dirvi qualcosa vicino al mio cuore", ha detto ai fedeli il Papa, che indossava un impermeabile di plastica per proteggersi dal vento e dalla pioggia, mettendo da parte la sua omelia e improvvisando.

"Quando ho visto da Roma quella catastrofe, sentivo che avrei dovuto essere qui. In quei giorni ho deciso di venire qui. Sono qui per essere con voi. Forse un po' in ritardo, devo dire, ma sono qui", ha detto. A causa del maltempo il Papa non ha visitato un centro per i poveri finanziato dal Vaticano. Durante la messa del mattino il Papa ha detto di rispettare i sentimenti di coloro che si sono sentiti delusi da Dio a causa del disastro, ma ha chiesto loro di andare avanti con la loro fede.

Molti di voi hanno chiesto a Dio: Perchè? E a ognuno di voi Dio risponde, ai vostri cuori dal suo cuore...così tanti di voi hanno perso tutto. Non so cosa dirvi, ma Dio sa cosa dirvi", ha detto. Papa Francesco ha chiesto alla folla un momento di silenzio per le vittime e ha ringraziato tutti coloro che hanno aiutato i sopravvissuti. "Questo è quello che viene dal mio cuore, e perdonatemi se non ho altre parole da dire", ha aggiunto il Papa.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata