Filippine, Duterte: Ho buttato uomo da un elicottero, lo rifarei
In questo modo il presidente ha minacciato i funzionari corrotti

Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha minacciato i funzionari corrotti del governo di buttarli da un elicottero, avvertendo di averlo già fatto in passato e che non avrebbe scrupoli a farlo di nuovo. Duterte ha raccontato infatti di avere gettato da un elicottero un uomo cinese sospettato di stupro e omicidio. "Se siete corrotti, vi prenderò con un elicottero per Manila e vi getterò giù. L'ho già fatto prima, perché non dovrei farlo di nuovo?", ha detto Duterte durante un discorso per le vittime del passaggio di un tifone, e una clip di questo intervento è stata pubblicata sul feed video dell'ufficio del presidente filippino. Non è chiaro quando né dove sia avvenuto l'episodio dell'elicottero di cui ha parlato Duterte. Il suo portavoce, Ernesto Abella, ha suggerito che potrebbe non essere realmente successo. "Diciamo solo 'una leggenda metropolitana'", ha detto ai giornalisti.

Questa nuova minaccia giunge dopo che alcune settimane fa Duterte aveva ammesso di avere ucciso delle persone durante la sua carriera da sindaco di Davao, durata 22 anni, dicendo di essere andato a volte in moto cercando qualcuno da uccidere. Allora Duterte aveva argomentato che quelle uccisioni facevano parte di legittime operazioni di polizia e alcuni senatori lo hanno avvertito che rischia l'impeachment per questo tipo di commenti. Il capo Onu per i diritti umani, Zeid Ra'ad al-Hussein, ha chiesto un'indagine sulle dichiarazioni di Duterte di avere ucciso persone, e a seguito di questa richiesta Duterte la scorsa settimana ha definito Zeid uno "stupido" e un "idiota" che dovrebbe tornare a scuola.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata