Ferguson, marce da New York a Los Angeles: cortei bloccano autostrade

Washington (Usa), 25 nov. (LaPresse/AP) - Migliaia di persone sono scese nella notte in strada in diverse città degli Stati Uniti, tra cui Los Angeles e New York, per protestare contro la decisione del Grand jury di non incriminare il poliziotto bianco che ad agosto scorso uccise il 18enne di colore Michael Brown a Ferguson, in Missouri. Le marce si sono svolte perlopiù in un clima pacifico, con dimostranti che inneggiavano 'Mani in alto, non sparare', uno slogan che si è diffuso durante le manifestazioni contro la violenza della polizia. Le proteste più grandi si sono svolte a St. Louis e Oakland, dove centinaia di persone hanno camminato in mezzo ad autostrade bloccando il traffico.

A Oakland poliziotti in auto e su moto hanno circondato alcuni dimostranti allontanandoli dalla strada, ma un altro gruppo di attivisti è entrato poco dopo sulle corsia. Al momento non ci sono notizie di arresti. A St. Louis centinaia di persone hanno marciato sulla Interstate 44 vicino al luogo di un'altra sparatoria in cui era coinvolto un poliziotto, intonando lo slogan 'La vita dei neri conta'. A Seattle i dimostranti si fermavano ai principali incroci sedendosi o sdraiandosi per strada per bloccare il traffico prima di proseguire la marcia.

A New York i familiari di Eric Garner, un uomo morto durante un confronto con la polizia a luglio scorso, hanno protestato a Harlem contro la decisione del grand jury. Successivamente alcune centinaia di persone si sono radunate a Manhattan e hanno marciato pacificamente da Union Square a Times Square.

A Los Angeles, scossa nel 1992 da proteste contro l'assoluzione dei poliziotti che aggredirono un uomo di colore, Rodney King, circa 100 persone hanno protestato al Leimert Park, mentre un gruppo di 200 manifestanti ha marciato verso il centro. Gli attivisti hanno bloccato alcune parti della Interstate 110, straiandosi sulle corsie. Altre 30 persone hanno marciato a Beverly Hills, dove si sono sdraiate a un incrocio. Proteste si sono svolte anche in molte altre città americane, tra cui Chicago, Salt Lake City, Cleveland, Denver e Washington, dove i manifestanti hanno inneggiato 'Giustizia per Michael Brown' davanti alla Casa Bianca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata