Facebook, falla nella sicurezza, attaccati 50 milioni di account Zuckerberg: "Tutto riparato"

Ma il ceo del social network aggiunge: "Dobbiamo continuare a sviluppare nuovi strumenti per evitare che accada"

Facebook ha rivelato una falla nella sicurezza, che ha riguardato "circa 50 milioni di account" e potrebbe aver permesso ad hacker di prendere il controllo dei profili. I team del social network hanno "scoperto un problema di sicurezza riguardante 50 milioni di account. Prendiamo questa situazione estremamente sul serio", ha scritto il gruppo in un comunicato, aggiungendo che saranno "prese azioni immediate"

La compagnia ha riferito di aver appreso questa settimana dell'attacco, che ha permesso agli hacker di rubare gli "access tocken", l'equivalente delle chiavi digitali per accedere agli account. "È evidente che chi ha attaccato ha sfruttato la vulnerabilità del codice di Facebook", ha dichiarato il vice presidente del product management, Guy Rosen, in un blog, aggiungendo: "Abbiamo corretto la vulnerabilità e informato le forze dell'ordine"

"La falla è stata riparata ieri sera", così il ceo , in conferenza stampa. È un nuovo guaio la cui dimensione per ora non è chiara, per il gigante della tecnologia e i suoi oltre 2 miliardi di utilizzatori nel mondo. La fiducia degli utenti è già diminuita a seguito di vari scandali sull'uso di informazioni a scopi politici e sulla diffusione di contenuti destinati a influenzare le elezioni di vari Paesi. "Non sappiamo se degli account siano stati usati in modo improprio", ha aggiunto Zuckerberg, parlando di "una questione grave".

Come precauzione è stata temporaneamente rimossa l'opzione 'Visualizza come', descritta come strumento di sicurezza per consentire agli utenti di capire come le altre persone vedano il loro profilo in base alle impostazioni di privacy. "Affrontiamo costanti attacchi da persone che vogliono impossessarsi degli account o rubare informazioni nel mondo", ha detto ancora Zuckerberg sulla sua pagina Facebook. "Mentre sono contento che l'abbiamo trovato, l'abbiamo risolto e abbiamo messo in sicurezza gli account che avrebbero potuto essere a rischio, - ha proseguito - la realtà è che dobbiamo continuare a sviluppare nuovi strumenti per evitare che accada, per prima cosa". Inoltre, Facebook ha fatto sapere di aver deciso come "passo precauzionale" di resettare i 'token d'accesso' di altri 40 milioni di account in cui lo strumento vulnerabile era usato. Questo richiederà agli utenti di ri-loggarsi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata