El Chapo in tribunale: protesta per condizioni detenzione
Il narcos Joaquin Guzman in tribunale federale a Brooklyn

 Il capo del narcotraffico messicano Joaquin Guzman detto 'El Chapo' è comparso oggi in un tribunale federale di Brooklyn, a New York, e in questa occasione i suoi avvocati hanno protestato per le condizioni della sua detenzione. All'udienza, che si è svolta sotto rigide misure di sicurezza, hanno assistito anche la moglie del boss dei narcos, Emma Coronel, e la sua legale messicana Silvia Delgado. La difesa contesta il fatto che nel carcere di Manhattan in cui è detenuto 'El Chapo', sia di fatto in cella 23 ore al giorno e gli sia concessa solo "un'ora di esercizio solitario", a parte le riunioni con gli avvocati. I legali denunciano inoltre che al narcotrafficante non verrebbe permesso neanche di prendere un bicchiere d'acqua e hanno chiesto che gli venga consentito di ricevere visite, per esempio da parte della moglie e della sua avvocatessa messicana.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata