Egitto, uomini armati uccidono 2 poliziotti a guardia di chiesa

Il Cairo (Egitto), 6 gen. (LaPresse/Xinhua) - In Egitto due poliziotti che si trovavano a guardia di una chiesa nella provincia di Minya, a sud del Cairo, sono stati uccisi da uomini armati mascherati non identificati. Lo fanno sapere fonti della sicurezza. I due agenti sono stati colpiti da numerosi proiettili e sono morti subito dopo, secondo il racconto di testimoni e dei funzionari. Gli assalitori hanno anche rubato tutte le loro armi. L'attacco è avvenuto un giorno prima del Natale copto, in vista del quale sono state aumentate le misure di sicurezza.

Anche il sito del giornale a gestione statale al-Ahram ha confermato le morti. I due agenti uccisi sono Eid Fahim, copto di 57 anni, che tra due mesi avrebbe terminato il servizio, e Mohamed Yazid, musulmano di 40 anni. I funzionari del dipartimento forense di Minya hanno detto a Xinhua che i due uomini sono stati colpiti da oltre 32 proiettili. I copti cristiani, che in Egitto coesistono pacificamente con la maggioranza musulmana sunnita, rappresentano circa il 10% degli 85 milioni della popolazione totale del Paese.

Dopo la rimozione dell'ex presidente Mohamed Morsi da parte dell'esercito nel luglio 2013, chiese e pubbliche proprietà sono state distrutte e date alle fiamme. Nel frattempo centinaia di poliziotti e soldati sono morti in attacchi antigovernativi nella penisola del Sinai e in altre parti del Paese, inclusa la capitale. Dalla deposizione di Morsi la repressione dei suoi sostenitori ha causato anche la morte di circa mille persone. Migliaia gli arresti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata