Egitto, procura ordina custodia per Morsi: cospirò con Hamas

Il Cairo (Egitto), 26 lug. (LaPresse/AP) - La procura egiziana ha ordinato la custodia cautelare per il presidente deposto Mohammed Morsi con l'accusa di aver spiato per conto di Hamas e di aver collaborato con la formazione palestinese a compiere numerosi reati. Lo riporta l'agenzia di stampa statale Mena, spiegando che l'ex capo di Stato è stato posto in custodia per 15 giorni, ma la detenzione potrebbe essere estesa se l'inchiesta lo richiederà. Intanto Morsi è già stato interrogato. Le forze armate lo stanno trattenendo in una località sconosciuta dal giorno del colpo di Stato del 3 luglio.

LE ACCUSE. Morsi, precisa l'agenzia, è indagato per l'accusa di aver collaborato con Hamas "a condurre azioni contro lo Stato, attaccare stazioni di polizia e ufficiali dell'esercito, e aver assaltato prigioni, dato fuoco a un carcere e permesso ai detenuti di fuggire, compreso lui stesso, così come a premeditare omicidi di funzionari, soldati e prigionieri". In particolare, è accusato per l'evasione dal carcere di decine di membri dei Fratelli musulmani, tra cui lui stesso, avvenuta durante la rivolta popolare del 2011 che portò alla caduta di Hosni Mubarak. Secondo molti, la formazione si fece aiutare dal gruppo palestinese Hamas e dai militanti libanesi di Hezbollah a organizzare la fuga. Ma i Fratelli musulmani hanno sempre sostenuto di essere stati aiutati solo da residenti locali, non da stranieri.

OGGI PAESE IN PIAZZA. E oggi si preannuncia una nuova giornata di tensioni. Nei giorni scorsi infatti il generale Abdel-Fatah el-Sissi, capo delle forze armate, ha chiesto alla popolazione di scendere in piazza oggi contro il "terrorismo". Il leader spirituale dei Fratelli musulmani ha risposto, chiamando el-Sissi "traditore" e sostenendo che il colpo di Stato da lui condotto sia stato peggio che distruggere la Kaaba alla Mecca, luogo più sacro dell'islam. Anche gli stessi Fratelli musulmani hanno convocato manifestazioni di piazza per oggi e si temono disordini, come nelle settimane passate.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata