Egitto, Blair difende destituzione Morsi: Ha salvato il Paese

Londra (Regno Unito), 23 apr. (LaPresse/AP) - L'ex premier britannico Tony Blair ha difeso il colpo di Stato con cui l'anno scorso è stato destituito il presidente egiziano Mohammed Morsi, affermando che le proteste che portarono al golpe "furono un salvataggio assolutamente necessario della nazione". "Dovremmo - ha affermato - sostenere il nuovo governo e aiutarlo" perché "il futuro della regione dipenderà dalla sorte dell'Egitto". "Il governo dei Fratelli musulmani - ha detto Blair - non era semplicemente un cattivo governo. Stava subentrando in maniera sistematica alle tradizioni e istituzioni dello Stato". Blair ha ammesso che gli interventi militari in Iraq e in Afghanistan hanno minato la volontà dell'Occidente a intervenire nella regione, ma ha sottolineato che i Paesi occidentali non dovrebbero evitare di rimanere coinvolti nelle questioni regionali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata