Ecuador, terremoto 7.8 gradi sulla costa: decine di morti, centinaia i feriti
Oltre sessante scosse di assestamento sono state avvertite nelle ore successive alla scossa principale

Più di 70 persone sono morte in Ecuador e quasi 600 sono rimaste ferite a causa di un terremoto di magnitudo 7.8 sulla scala Richter che si è abbattuto sulla zona costiera. Il Geophysical Institute del Politecnico Nazionale, responsabile della sorveglianza sismica e vulcanica nel paese, ha detto che più di 60 scosse di assestamento sono state registrate sei ore dopo la scossa principale. L'Istituto non ha escluso che questo tipo di scosse possa continuare per ore o giorni. Dopo il disastro, il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il territorio nazionale. Il sisma ha attivato l'allerta tsunami nei paesi vicini come la Colombia, il Perù e il Cile.

Il vice-presidente, Jorge Glas, in una apparizione davanti ai media, ha sottolineato che il numero dei morti potrebbe aumentare a causa dei danni provocati nella zona dell'epicentro. Glas ha sottolineato che la situazione è particolarmente "complessa" nella località balneare di Pedernales, nella zona dell'epicentro, difficile da raggiungere dalle squadre di soccorso.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata