Ebola, Unicef: Inviate 68 tonnellate aiuti sanitari in Liberia

Copenaghen (Danimarca), 25 ago. (LaPresse) - Un aereo cargo con 68 tonnellate di forniture sanitarie e igieniche dell'Unicef è atterrato sabato mattina a Monrovia in Liberia, per portare aiuti urgenti e necessari a combattere la peggiore epidemia di ebola nella storia. Lo scrive l'agenzia dell'Onu sul proprio sito. "L'assistenza sanitaria di base - ha dichiarato Sheldon Yett, rappresentante Unicef in Liberia - non può essere successiva alle vittime di ebola. L'Unicef sta lavorando su più fronti dall'inizio dell'epidemia per fornire approvvigionamenti necessari, e per sensibilizzare le comunità locali su come fermare la diffusione della malattia. Questa spedizione completerà questi sforzi con una nuova ondata di forniture per sostenere il controllo delle infezioni e proteggere i lavoratori sanitari in prima linea".

Il carico, partito dal Centro Unicef mondiale di aiuti di Copenaghen, conteneva aiuti e indumenti di emergenza di base utili agli operatori sanitari impegnati in prima linea a proteggere loro stessi e a prevenire la diffusione dell'infezione. Gli aiuti includono: 27 tonnellate di cloro concentrato per disinfettare e depurare l'acqua, 450.000 paia di guanti in lattice, sali per la reidratazione orale e kit per cibo terapeutico per nutrire i pazienti sottoposti a trattamento.

L'Unicef ha gia' fornito aiuti per piu' di 2 milioni di dollari, che comprendono: forniture sanitarie, indumenti di protezione per gli operatori sanitari, cloro, spray e altre attrezzature per l'acqua e i servizi igienici per controllare le infezioni; motocicli e altro supporto logistico per consentire agli operatori sanitari comunitari e agli altri partner di potersi spostare tra le varie comunita'. L'Unicef sta inoltre implementando squadre di comunicatori tradizionali per diffondere messaggi di prevenzione nelle comunita' in tutta Liberia, sta realizzando materiali informativi e programmando attivita' nelle radio per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla diffusione della malattia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata