Ebola, Obama invia 3mila militari in Africa per combattere epidemia

Washington (Usa), 16 set. (LaPresse/AP) - L'amministrazione Usa invierà tremila militari in Africa occidentale per combattere l'epidemia dell'ebola. Lo hanno riferito alcuni funzionari di Washington, rimasti anonimi, precisando che il presidente Barack Obama darà l'annuncio ufficiale dell'iniziativa oggi durante la visita agli Us Centers for Disease Control and Prevention ad Atlanta. I soldati, hanno detto gli ufficiali, forniranno sostegno medico e logistico, e aiuteranno ad aumentare il numero di letti in ospedali per isolare e curare i malati. Il personale militare formerà inoltre circa 500 operatori sanitari alla settimana, costruirà nella regione 17 cliniche, ciascuna da cento letti, e stabilirà una sede di coordinamento a Monrovia, in Liberia.

I soldati forniranno kit sanitari a centinaia di migliaia di famiglie; tra questi ci saranno i 50mila kit che saranno forniti questa settimana dall'Usaid, l'agenzia Usa per lo sviluppo internazionale. L'operazione, hanno riferito i funzionari, sarà finanziata con i 500 milioni di dollari che dovevano essere destinati a operazioni di emergenza all'estero, come la guerra in Afghanistan. Il Pentagono ha già chiesto al Congresso di destinare i fondi agli sforzi umanitari in Iraq e nell'Africa occidentale.

Secondo gli ufficiali, ci vorranno circa due settimane prima che il personale militare Usa arrivi nei Paesi colpiti dall'epidemia dell'ebola, che secondo l'Organizzazione mondiale della sanità ha provocato finora oltre 2.200 vittime. Obama parlerà ad Atlanta alle 16.05 ora locale (le 22.05 in Italia).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata