E' morto il grande astrofisico Stephen Hawking. Studiò l'universo e vinse la disabilità
Lo scienziato inglese famoso nel mondo, aveva 76 anni. Elaborò la teoria dei buchi neri. Da anni costretto su una sedia a rotelle

E' morto all'età di 76 anni il grande astrofisico e cosmologo inglese Stephen Hawking. L'annuncio è stato dato da un portavoce della famiglia: "Siamo profondamente rattristati dal fatto che il nostro amato padre sia morto oggi", hanno detto i figli del professor Hawking, Lucy, Robert e Tim in un comunicato diffuso dall'agenzia di stampa inglese. "Era un grande scienziato e un uomo straordinario il cui lavoro e eredità vivrà per molti anni". Hawking, che aveva studiato le origini dell'universo e elaborato teorie sui buchi neri, era malato di Sla e viveva da anni su una sedia a rotelle. Era nato a Oxford l'8 gennaio del 1942 ed è morto (quasi a voler racchiudere la sua vita tra due grand istituzioni scientifiche) a Cambridge alle prime luci dell'alba.

LA VITA DELL'ASTROFISICO IN 10 DATE

Era diventato, per tutto il mondo, un simbolo del coraggio e della capacità di superare la disabilità. Sulla sua vita è già stato fatto (2014) un film, "La teoria del tutto" (The Theory of Everything) diretto da James Marsh e interpretato da Eddie Redmayne, nei panni del giovane Stephen Hawking. Per la sua interpretazione Redmayne si è aggiudicato il Premio Oscar al miglior attore.

Stephen Hawking era il più famoso scienziato moderno del mondo, un genio che ha dedicato la sua vita a svelare i segreti dell'Universo. Nato l'8 gennaio 1942 - 300 anni dopo la morte del padre della scienza moderna, Galileo Galilei - credeva che la scienza fosse il suo destino. Ma il destino ha anche trattato Hawking con crudeltà. La maggior parte della sua vita è stata trascorsa su una sedia a rotelle. Hawking era paralizzato dalla sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una forma di malattia dei neuroni motori che attacca i nervi che controllano il movimento volontario che gli era stata diagnositcata nel 1963 ad appena 21 anni.

LE SUE FRASI PIU' FAMOSE

Sorprendentemente, Hawking riuscì a superare le previsioni (che, a quei tempi gli davano pochi anni di vita), superando i suoi effetti debilitanti su mobilità e linguaggio che lo lasciarono paralizzato e in grado di comunicare solo tramite un sintetizzatore vocale per computer. "Mi viene spesso chiesto: come ti senti ad avere la SLA?" una volta ha scritto. "La risposta è, non molto. Cerco di condurre una vita il più normale possibile, e non pensare alle mie condizioni, o rimpiangere le cose che mi impedisce di fare, che non sono poi così tante".

Dentro il guscio del suo corpo che, purtroppo diventava sempre più difficile da gestire col tempo, c'era una mente affilata come un rasoio, affascinata dalla natura dell'Universo, da come si era formata e da come avrebbe potuto finire. Ma anche una mente capace di straordinaria ironia e di altissimo pensiero filosofico: "Il mio obiettivo è semplice", ha detto una volta. "È la completa comprensione dell'universo, perché è così com'è e perché esiste". Gran parte di questo lavoro era centrato sul riunire la relatività (la natura dello spazio e del tempo) e la teoria quantistica (come si comportano le più piccolo particelle nell'Universo) per spiegare l'origine dell'Universo e come è governato. Nel 1974, divenne uno dei più giovani membri del corpo scientifico più prestigioso della Gran Bretagna, la Royal Society e, all'età di 32 anni. è stato nominato Lucasian Professor of Mathematics presso l'Università di Cambridge, dove si era trasferito da Oxford per studiare l'astronomia teoretica e la cosmologia. Un precedente detentore del prestigioso incarico fu lo scienziato inglese del XVII secolo, Isaac Newton.

Hawking ha messo alla prova le teorie gravitazionali di Newton. Nel 2007 quando, all'età di 65 anni, ha fatto un volo senza peso negli Stati Uniti come preludio a un volo spaziale sub-orbitale che voleva fare prima di morire. Non ha visto questo viaggio come un semplice regalo di compleanno. E ha detto che voleva dimostrare che la disabilità non era un ostacolo per il successo e per incoraggiare l'interesse nello spazio, dove credeva che giacesse il destino dell'umanità. "Penso che la razza umana non abbia futuro se non va nello spazio", ha detto. "Credo che la vita sulla Terra sia sempre più a rischio di essere spazzata via da un disastro come improvviso riscaldamento globale, guerra nucleare, un virus geneticamente modificato o altri pericoli".

Più recentemente ha affermato che l'intelligenza artificiale (AI) potrebbe contribuire all'eradicazione della malattia e della povertà: "In breve, il successo nella creazione di intelligenza artificiale potrebbe essere il più grande evento nella storia della nostra civiltà". Accanto ai benefici, l'IA porterà anche pericoli, come potenti armi autonome, o nuovi modi per opprimere i molti ", ha detto Hawking nel 2016, in occasione dell'inaugurazione di un nuovo centro di ricerca presso l'Università di Cambridge. Il genio di Hawking lo ha portato alla fama mondiale e divenne noto anche come comunicatore dedicato a portare la scienza ad un pubblico più ampio e spiegare alla gente comune le teorie fondamentali dell'universo. Seppe farlo anche con toni leggeri e grande senso dell'ironia e, addirittura, dell'autoironia.

Nel suo libro del 1988 "A Brief History of Time" (un best seller internazionale) cercò di spiegare ai non-scienziati le teorie fondamentali dell'universo. Il volume è stato seguito nel 2001 da "The Universe in a Nutshell" ("L'universo in un guscio di noce"). Nel 2007, Hawking ha pubblicato un libro per bambini, "La chiave segreta di George per l'universo", con sua figlia, Lucy, cercando di spiegare il funzionamento del sistema solare, gli asteroidi, i buchi neri e altri corpi celesti. Hawking si è anche inserito nella cultura popolare, con camei in "Star Trek: The Next Generation" in "Big Bang Theory" e "The Simpsons", mentre la sua voce è apparsa nelle canzoni dei Pink Floyd.

Al di là del dibattito scientifico, Hawking ha anche pesato sulla politica, descrivendo Donald Trump come "un demagogo che sembra fare appello al minimo comune denominatore" prima della sua elezione a presidente degli Stati Uniti. Hawking ha anche avvertito la Gran Bretagna in vista del referendum sulla Brexit nel 2016 contro l'uscita dall'Unione Europea: "Sono finiti i giorni in cui potevamo reggerci da soli contro il mondo".

Hawking sposò per la prima volta Jane Wilde nel 1965 e ebbe tre figli. La coppia si spaccò dopo 25 anni e sposò la sua ex infermiera, Elaine Mason, ma l'unione si ruppe tra accuse, da lui negate, di abusi. La storia d'amore tra Hawking e Wilde è stata raccontata nel film del 2014 "The Theory of Everything", che ha vinto il britannico Eddie Redmayne il miglior attore Oscar per il suo ritratto dello scienziato. È stato anche il soggetto di un documentario del 2013, "Hawking", in cui ha riflettuto sulla sua vita: "Perché ogni giorno potrebbe essere l'ultimo, ho il desiderio di sfruttare al meglio ogni singolo minuto."


© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata