Doping, confessione Armstrong da Oprah Winfrey. In Italia su Dmax

Austin (Texas, Usa), 12 gen. (LaPresse/AP) - Lance Armstrong ammetterà di aver fatto uso di doping durante la sua carriera nel corso di una intervista con Oprah Winfrey che verrà registrata lunedì e che sarà mandata in onda nei giorni successivi. Secondo quanto riferisce il sito americano di USA Today, l'intervista verrà trasmessa giovedì sull' Oprah Winfrey Network e sarà registrata a casa di Armstrong ad Austin, in Texas. Secondo una fonte anonima di USA Today, l'ex campione americano dovrebbe ammettere l'uso di sostanze proibite ma non enterà nei dettagli del dossier USADA che lo ha incastrato e portato alla squalifica a vita, nonchè alla revoca dei sette titoli del Tour de France vinti in carriera.

I rappresentanti di Armstrong hanno fino ad ora declinato ogni commento, compreso il suo avvocato Tim Herman. La settimana scorsa, il New York Times aveva annunciato che l'ex ciclista stava prendendo in seria considerazione la possibilità di ammettere l'uso di doping. Il 41enne Armstrong ha sempre negato le accuse che gli venivano mosse dall'agenzia antidoping degli Stati Uniti di aver creato un autentico sistema di doping all'interno della sua ex squadra, la Us Postal, con utilizzo massiccio di Epo e altre sostanze.

Per Armstrong sarà la prima apparizione pubblica dopo l'indiscrezione pubblicata dal New York Times. L'intervista-evento verrà trasmessa in esclusiva per l'Italia venerdì 18 gennaio alle 21.15 su Dmax (Canale 52 digitale terrestre e Canale 28 di TivùSat e canale 808 di Sky) e in replica domenica 20 gennaio alle 10.55. Nello speciale di 90 minuti, la signora della tv intervista Armstrong nella sua casa ad Austin, in Texas, spaziando dall'accusa di uso di sostanze dopanti da parte dell'Anti-Doping Agency degli Stati Uniti, alla perdita dei titoli vinti, dalle dimissioni da presidente dei Livestrong, fondazione per la lotta contro il cancro da lui creata, alla squalifica a vita dalle competizioni professionali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata