Dodici ragazzi segregati e legati in una casa in California
Arrestati i genitori. E' successo a Perris, a est di Los Angeles. Una si è liberata e ha chiamato la polizia. Una scena infernale

Dodici fratelli e sorelle d'età compresa tra i due e i 29 anni sono stati trovati incatenati e denutriti in condizioni fisiche e psichiche indicibili in una casa di Perris, California, una città di 80mila abitanti poco a est di Los Angeles. I loro genitori, David Allen Turpin (57 anni) e Louis Ann Turpin (49) sono stati arrestati. La scoperta è stata fatta grazie alla fuga di una delle ragazze, 17 anni che è riuscita a liberarsi e ad uscire dalla proprietà dei Turpin sulla Muir Woods Road (nella foto da Google Maps).

La ragazza che dimostra 9/10 anni è riuscita a impadronirsi di un cellulare e a chiamare il 911. La polizia ha recuperato la ragazza e ha fatto irruzione nella casa trovando un vero e proprio inferno. I dodici ragazzi erano legati ai letti con catene e lucchetti. Le stanze erano scure e in tutte aleggiava un odore rivoltante. Tutti, in evidente stato di denutrizione, sembravano molto più piccoli della loro età, ma, documenti alla mano si è potuto stabilire che almeno sei di loro hanno tra i 18 e i 29 anni.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata