DIRETTA Libia, Gheddafi ucciso a Sirte

Sirte (Libia), 20 ott. (LaPresse/AP) - Il Consiglio nazionale di transizione libico ha confermato che Muammar Gheddafi è stato ucciso in seguito alla caduta di Sirte, annunciata oggi dai ribelli. Segue la diretta.

20.15 - "Oggi possiamo dire che il regime di Gheddafi è finito". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama nella conferenza stampa tenuta alla Casa Bianca. La morte di Gheddafi "segna la fine di un lungo e doloroso capitolo" per la Libia, ha detto Obama.

19.59 - Un caccia francese ha sparato sul convoglio che a Sirte trasportava Muammar Gheddafi. Lo riferisce il ministro della Difesa francese, Gerard Longuet.

19.54 - Quando è stato catturato a Sirte Muammar Gheddafi era ferito, ma vivo. E' quanto risulta da un filmato trasmesso da alcune reti televisive arabe, tra cui al-Jazeera. Nel video si vede il colonnello in una camicia insanguinata e con la faccia che sanguina mentre viene spinto avanti da combattenti e sembra opporsi, inciampare e gridare. I ribelli lo spingono sopra un pickup prima di trascinarlo via, apparentemente verso un'ambulanza.

19.32 - Mutassim Gheddafi, il figlio di Muammar Gheddafi, è stato ucciso a Sirte. Lo riferisce il ministro dell'Informazione del Cnt, Mahmoud Shammam.

19.29 - Muammar Gheddafi è morto per due ferite di arma da fuoco, una alla testa e una al petto. Lo ha fatto sapere Abdel-Jalil Abdel-Aziz, un medico che faceva parte del gruppo che ha accompagnato il corpo del raìs in ambulanza a Misurata. "Non potete immaginare la mia felicità oggi", ha detto Abdel-Aziz ad Associated Press.

19.16 - Saif al-Islam, il figlio del colonnello Muammar Gheddafi, è rimasto ferito ed è ricoverato in ospedale. Lo ha fatto sapere il Consiglio nazionale di transizione libico.

19.15 - Atteso per le 20 ora italiana un discorso del presidente degli Stati Uniti Barack Obama sull'uccisione di Muammar Gheddafi. Obama parlerà dalla Casa Bianca.

18.50 - Il prezzo del petrolio è in ribasso dopo la morte dell'ex dittatore libico, Muammar Gheddafi. Il petrolio è in calo a New York, con l'indice di riferimento Wti che perde 1,32 dollari, o l'1,53%, attestandosi a 84,79 dollari al barile. Prima della guerra civile in Libia, il Paese forniva al mercato circa 1,5 milioni di barili di greggio al giorno.

18.29 - "Questa giornata è una svolta per la Libia. Dobbiamo riconoscere che è solo l'inizio perchè la strada per il Paese e il popolo libico è difficile e piena di sfide ed è il momento che tutti si uniscano". Lo ha detto il segretario generale delle Nazioni unite, Ban Ki-moon. "Ora è il momento per guarire e ricostruire; è il momento per la generosità, non per la vendetta", ha detto Ban.

17.43 - "Oggi è il giorno giusto per ricordare le vittime di Muammar Gheddafi". Lo ha detto il primo ministro britannico David Cameron commentando la morte del colonnello e ricordando le 270 vittime americane e britanniche dell'attentato di Lockerbie del 1988. L'unica persona accusata per l'attentato, l'ex ufficiale libico dell'intelligence Abdel Baset al-Megrahi, era stato rilasciato da una prigione scozzese nel 2009 per motivi di salute. È ancora vivo e si trova in Libia. I jet e gli elicotteri britannici hanno aiutato i ribelli durante la campagna Nato in Libia e Londra oggi ha promesso assistenza ai nuovi leader di Tripoli.

17.09 - Il cadavere insanguinato di Muammar Gheddafi è stato caricato sul tetto di un veicolo e portato a Misurata, città assediata per mesi dalle forze del raìs. Una vasta folla intorno al mezzo gridava "il sangue dei martiri non è stato versato invano".

17.02 - Stando alle prime ricostruzioni della dinamica della morte di Muammar Gheddafi fornite dai combattenti, il colonnello era nascosto con gli ultimi fedelissimi in uno dei pochi edifici di Sirte ancora sotto il controllo dei lealisti. Secondo le fonti, a un certo punto un convoglio ha cercato di lasciare la zona ed è stato colpito da un attacco aereo della Nato. Non si sa se Gheddafi sia morto lì o in uno degli edifici.

16.26 - Il primo ministro del Consiglio nazionale di transizione libico, Mahmoud Jibril, ha confermato ufficialmente che Muammar Gheddafi è stato ucciso. "Attendevamo questo momento da molto tempo. Muammar Gheddafi è stato ucciso", ha detto Jibril in conferenza stampa a Tripoli.

16.15 - I leader del Consiglio nazionale di transizione libico hanno informato ufficialmente il governo degli Stati Uniti della morte di Muammar Gheddafi. Lo riferiscono fonti di Washington. La notizia è stata confermata alle autorità Usa pochi minuti prima che il premier del Consiglio nazionale di transizione libico, Mahmoud Jibril, annunciasse ufficialmente la morte di Gheddafi. Entro breve sono attese le reazioni della Casa Bianca e del segretario generale delle Nazioni unite, Ban Ki-moon.

16.11 - "Questa è la fine della prima fase della rivoluzione libica". Lo ha detto il senatore repubblicano John McCain in riferimento alla cattura e alla morte di Muammar Gheddafi. Il deputato statunitense ha aggiunto che Washington e la Nato dovrebbero continuare a sostenere il Paese anche dopo questo evento. Finora la Casa Bianca non ha ancora rilasciato dichiarazioni riguardo agli ultimi sviluppi in Libia, in attesa della conferma ufficiale del Consiglio nazionale di transizione. Il primo ministro Mahmoud Jibril dovrebbe tenere a breve una conferenza stampa da Tripoli.

15.40 - Il Consiglio nazionale di transizione ha riferito ai giornalisti che a breve sarà tenuta una conferenza stampa sugli ultimi sviluppi in Libia. Intanto anche a Tripoli sono scoppiati festeggiamenti per le strade alla notizia della cattura e possibile morte di Muammar Gheddafi.

15.38 - "Gheddafi era ferito, ha provato a resistere alle forze rivoluzionarie e per questo è stato ucciso". Lo ha riferito il portavoce dell'esercito libico, il colonnello Ahmed Bani, in un'intervista da Tripoli all'emittente panaraba al-Jazeera. "Voglio garantire a tutti i libici che Gheddafi è stato ucciso, ne sono assolutamente sicuro, e voglio rassicurare tutti sul fatto che questa storia è finita e abbiamo girato pagina", ha proseguito. Bani ha quindi negato che il colonnello sia rimasto ucciso in un raid della Nato sul suo convoglio.

15.35 - "La guerra è finita". Lo ha detto un ribelle libico durante i festeggiamenti a Sirte per la caduta della città e la conseguente cattura di Muammar Gheddafi. I rivoluzionari hanno cantato e si sono abbracciati per le strade dell'ex roccaforte del raìs.

15.28 - Un combattente libico ha raccontato ad Associated Press di aver assistito al momento in cui Muammar Gheddafi è stato colpito nella parte inferiore del corpo da proiettili di una pistola 9 millimetri. Il ribelle ha poi aggiunto di aver lanciato una scarpa all'ex dittatore, gesto considerato un grave insulto nel mondo arabo.

15.15 - Il ministro dell'Informazione del Consiglio nazionale di transizione, Mahmoud Shammam, ha confermato che Muammar Gheddafi è morto in seguito alla caduta di Sirte. La notizia è arrivata da alcuni combattenti ribelli che hanno visto il corpo. "Prima di confermare al 100%" la morte di Gheddafi, ha però aggiunto Shammam, si attende l'annuncio del primo ministro Mahmoud Jibril. La conferma ufficiale non è ancora arrivata dai vertici del Cnt.

15.00 - Il colonnello Roland Lavoie, portavoce del quartier generale della Nato a Napoli, ha riferito che un aereo dell'Alleanza ha colpito questa mattina un convoglio delle forze di Muammar Gheddafi in fuga da Sirte, ma non è noto se il colonnello si trovasse a bordo di uno dei veicoli o se sia stato catturato o ucciso. Lavoie ha spiegato che l'attacco ha colpito due veicoli dei lealisti, "parte di un gruppo più ampio che si trovava nelle vicinanze di Sirte". Funzionari della Nato, con la condizione dell'anonimato come richiedono le politiche dell'Alleanza, hanno detto di non poter confermare in modo indipendente le notizie della cattura o della morte del raìs. Intanto i ribelli stanno festeggiando la caduta di Sirte sparando in aria, agitando pistole e coltelli e cantando l'inno nazionale. Nel quartiere centrale dove si è tenuta la battaglia finale di oggi, i combattenti saltavano su veicoli e facevano il segno di vittoria. Alcuni hanno bruciato e calpestato la bandiera verde di Gheddafi.

14.21 - Il portavoce del Consiglio nazionale di transizione Jalal al-Gallal e il suo portavoce militare Abdul-Rahman Busin riferiscono di non poter confermare le notizie sulla cattura o la morte di Muammar Gheddafi. Anche la Nato fa sapere di non essere in grado di confermare la notizia in modo indipendente. Il Consiglio militare di Misurata, uno dei tanti gruppi delle forze rivoluzionarie, ha riferito che i suoi combattenti lo avrebbero catturato a Sirte, mentre un altro comandante, Abdel-Basit Haroun, ha detto che il colonnello sarebbe rimasto ucciso in un attacco aereo contro un convoglio in fuga dalla città, catturata questa mattina dai ribelli. Voci circolate in passato sulla morte di familiari di Gheddafi o sulla loro cattura si sono poi rivelate scorrette. Anche la Casa Bianca è prudente: la portavoce Victoria Nuland ha fatto sapere che il dipartimento di Stato non è in grado di confermare le notizie sulla cattura o la morte di Gheddafi in Libia. Ha aggiunto che i funzionari stanno monitorando la situazione.

14.05 - Secondo fonti dell'emittente panaraba al-Jazeera, Muammar Gheddafi sarebbe rimasto ucciso in combattimenti a Sirte.

13.43 - "Sono notizie che vanno confermate". Così il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, in relazione alla presunta cattura di Gheddafi, intervenendo al Tg1. La Russa ha aggiunto che, secondo fonti del Cnt, il colonnello sarebbe stato colpito a entrambe le gambe ma "respira ancora".

13.34 - Il portavoce del Consiglio nazionale di transizione Jalal el-Gallal e quello del Consiglio militare di Misurata Abdul Rahman Busin non confermano le voci sulla cattura di Muammar Gheddafi a Sirte, in Libia.

12.26 - "Le nostre forze controllano l'ultimo quartiere di Sirte, la città è stata liberata". Lo ha confermato Hassan Draoua, membro del Consiglio nazionale di transizione (Cnt). L'assalto finale alla città natale di Muammar Gheddafi, considerata la principale roccaforte dell'ex regime, è iniziato alle 8 di questa mattina ed è durato circa 90 minuti. Nei combattimenti sono stati uccisi almeno 20 fedelissimi del colonnello e altri 16 sono stati catturati in raid condotti in seguito in abitazioni ed edifici della città. I ribelli hanno anche confiscato diverse scatole di munizioni e camion pieni di armi.

11.02 - I combattenti libici hanno invaso le ultime postazioni dei lealisti a Sirte. Secondo testimoni la città è definitivamente caduta. Alcuni giornalisti che si trovano nella città natale di Muammar Gheddafi hanno riferito che l'avanzata finale per catturare le ultime posizioni dei fedelissimi del raìs sono iniziate intorno alle 8 di questa mattina ed è terminata dopo circa 90 minuti. Poco prima dell'assalto, diversi lealisti hanno cercato di fuggire da Sirte a bordo di cinque automobili attraverso una strada costiera, ma sono stati tutti uccisi dalle forze rivoluzionarie. Al momento i ribelli stanno conducendo raid in abitazioni ed edifici della città alla ricerca di lealisti che potrebbero nascondersi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata