Dibattito Clinton-Trump, le frasi chiave dello scontro in tv
Cosa si sono detti i due candidati alla presidenza durante il confronto

I candidati alla presidenza degli Stati Uniti, la democratica Hillary Clinton e il repubblicano Donald Trump, si sono confrontati nel primo dei tre dibattiti in vista del voto dell'8 novembre. Il confronto si è svolto all'università di Hofstra, New York. Seguono i principali punti di discussione.


1. HACKER. "Potrebbe essere la Russia ma potrebbe essere anche la Cina. Potrebbe essere molta della loro gente. Potrebbe anche essere qualcuno seduto sul suo letto, che pesi 180 chili", ha detto Trump sottolineando di ritenere che "nessuno sa se sia stata la Russia ad hackerare il Dnc", il Democratic National Committee. Da parte sua, Clinton ha detto di essere rimasta "scioccata quando Donald invitò pubblicamente Putin a commettere azioni hacker contro gli americani, questo è semplicemente inaccettabile".


2. LA NASCITA DI OBAMA. "Bene, basta che ascoltiate quello che avete appena sentito", ha detto Clinton facendo ridere il pubblico, dopo che il magnate ha spiegato perché per anni ha negato che il presidente Obama sia statunitense. Posizione che Clinton ha definito "una menzogna razzista".


3. TRATTATI DI LIBERO COMMERCIO. "Hillary, lascia che ti chieda una cosa. Hai fatto questo (libero scambio, ndr) per trent'anni, perché non hai pensato a soluzioni sinora?", ha detto Trump accusando Clinton sull'opposizione all'accordo Trans-Pacific Partnership (TPP) per motivi elettorali. "Bene Donald, so che vivi in una tua propria realtà", ha risposto Clinton.


4. GUERRA IN IRAQ. "E' un nonsense della stampa dominante", ha detto Trump, quando il moderatore Lester Hold ha ricordato che nel 2002 il magnate appoggiò la guerra in Iraq, cosa che lui nega e che Clinton ha sollevato.


5. STATO ISLAMICO. "Guarda, stai dicendo al nemico tutto ciò che deve fare. Non importa che tu abbia lottato tutta la vita adulta contro lo Stato Islamico", ha detto Trump a Clinton, in una frase molto sottolineata visto che il gruppo jihadista è emerso nel 2014. Trump ha accusato l'amministrazione Obama di aver favorito l'ascesa dell'Isis, con le sue azioni in Iraq.


6. DIBATTITO. "Mi sembra che Donald mi abbia appena criticata per essermi preparata per questo dibattito. E sì, l'ho fatto. E sapete che cos'altro ho preparato? Mi sono preparata per essere presidente", ha detto Clinton dopo che Trump ha detto di aver viaggiato nel Paese mentre Clinton "ha scelto di restare a casa".


7. TASSE. "Pubblicherò la mia dichiarazione dei redditi, andando contro quanto vogliono i miei avvocati, quando lei (Clinton, ndr) pubblicherà le 33mila email cancellate", ha detto Trump facendo riferimento alle comunicazioni elettroniche di Clinton attraverso un server privato quando era segretaria di Stato.


8. CARATTERE. "Ho più giudizio di lei. Su questo non c'è dubbio. E ho anche un miglior carattere", ha detto Trump, noto per il suo temperamento imprevedibile e burrascoso, causando risate nel pubblico. Clinton ha risposto soltanto: "Va bene".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata