Deputata uccisa, uomo fermato era 'solitario': forse disturbi mentali
Nel 2010 Tommy Mair era stato citato da un giornale locale mentre parlava dei suoi problemi psichiatrici

Tommy Mair, l'uomo fermato per l'omicidio della deputata laburista Jo Cox, è stato definito dai vicini di casa come un "soggetto solitario". Il 52enne è stato arrestato dalla polizia proprio vicino alla sua abitazione a Birstall, in West Yorkshire, non lontano dal luogo dove Cox è stata uccisa oggi con due colpi di pistola e alcune coltellate. Gli inquirenti stanno ora perquisendo l'edificio. I vicini hanno raccontato che l'uomo viveva in quella casa da circa 30 anni, da solo negli ultimi vent'anni dopo la morte della madre e della nonna.

Nel 2010 Mair, all'età di 46 anni, era stato citato da un giornale locale mentre parlava dei suoi problemi mentali. Secondo l'Huddersfield Examiner, l'uomo lavorava come volontario al country park Oakwell Hall di Birstall dopo essere stato paziente del centro diurno Pathways di Mirfield per malattie mentali. Al quotidiano Mair raccontava che lavorare al country park "mi ha fatto più bene che la psicoterapia e i farmaci di tutto il mondo". "Molte persone che soffrono di malattie mentali - spiegava - sono socialmente isolati e sconnessi dalla società, il senso di inutilità è molto comune ed è principalmente causata dalla disoccupazione prolungata".

I vicini di casa lo descrivono come una persona tranquilla, "molto solitaria", che ogni tanto faceva lavori di giardinaggio per la comunità locale. "Non ho mai visto molte persone a casa sua. Gli piace il giardinaggio. Ha fatto un sacco di giardini delle case da queste parti. Ha sempre fatto tutto con molta calma e tranquillità", ha raccontato David Pickles.

Leah Ainley, che vive a Risedale Avenue, ha assistito al momento dell'arresto di Mair. "La polizia armata lo ha circondato e lo ha gettato terra - ha raccontato - C'erano più di 10 agenti su di lui. Ho guardato fuori dalla finestra e li ho visti. L'uomo era bianco e calvo. Ha sbattuto la testa sul pavimento mentre loro lo tenevano fermo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata