Delaware legalizza matrimoni gay: è undicesimo Stato Usa

Dover (Delaware, Usa), 8 mag. (LaPresse/AP) - Il Delaware è diventato l'undicesimo Stato Usa ad approvare il matrimonio fra coppie omosessuali. Il governatore Jack Markell ha firmato la legge nella notte, appena un'ora dopo la sua approvazione in Senato. "Penso che sia la cosa giusta per il Delaware", ha detto il governatore dopo il voto, aggiungendo che "è stato necessario un lavoro di squadra incredibile". La legge è stata presentata al Congresso del Delaware lo scorso mese, appena un anno dopo che lo Stato aveva iniziato a riconoscere le unioni civili fra omosessuali. Alla Camera la proposta era stata approvata con 23 voti a favore e 18 contro.

Secondo la legge, nessuna unione civile verrà più siglata dopo il primo luglio, e quelle già in vigore saranno automaticamente convertite in matrimoni nel corso dl prossimo anno. Inoltre, le unioni tra coppie dello stesso sesso celebrate in altri Stati, in Delaware verranno trattate come matrimoni. Il provvedimento non obbliga i religiosi a celebrare le nozze omosessuali se vanno contro il loro credo. Ma, in base un'altra norma in vigore nello Stato, che vieta la discriminazione basata sull'orientamento sessuale, i datori di lavoro che rifiutano alle coppie gay servizi e diritti legati al matrimonio per motivi di coscienza potrebbero essere soggetti a indagini.

Nel frattempo anche il Minnesota si prepara ad approvare la propria legge sui matrimoni omosessuali e potrebbe presto diventare il dodicesimo Stato Usa a riconoscerli. Lo speaker della Camera dello Stato Paul Thissen ha infatti dichiarato che la maggioranza democratica, composta da 73 deputati, fornirà i 68 voti necessari all'approvazione della legge. Anche i leader del Senato sono fiduciosi nel passaggio della proposta e il governatore democratico Mark Dayton ha promesso che vi porrà la propria firma. "Penso - ha affermato Thissen - che ciò sia in linea con la tradizione che abbiamo in Minnesota di rispettare le persone, assicurarci che tutti siano inclusi nella nostra comunità e abbiano piena partecipazione in essa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata