Cuba, Castro attacca chi diffonde rumors su suo stato salute: Sto bene

L'Avana (Cuba), 22 ott. (LaPresse/AP) - Fidel Castro ha scritto un articolo per il sito web Cubadebate, gestito dal governo, criticando chi ha diffuso le voci sul suo presunto cattivo stato di salute. L'86enne ha inoltre pubblicato alcune foto che lo ritraggono in un giardino, con addosso una camicia a scacchi e un cappello di paglia. In una delle foto il lìder maximo sta leggendo l'edizione del venerdì del quotidiano comunista Granma.

"Non mi ricordo nemmeno cosa sia un mal di testa", ha scritto Castro nell'articolo uscito su Cubadebate, aggiungendo di aver pubblicato le foto scattate dal figlio Alex per dimostrare "quanto disoneste" siano le persone che diffondono i rumors sulla sua malattia. È dai tempi dello sbarco nella Baia dei porci del 1961, ha aggiunto il leader 86enne, che affronto la disinformazione a Cuba. Castro ha criticato inoltre i media stranieri, controllati a suo avviso dai ricchi, e in particolare il giornale spagnolo Abc, per aver pubblicato le dichiarazioni di un medico venezuelano secondo il quale il leader cubano aveva avuto un ictus ed era in gravi condizioni.

Ieri l'ex vicepresidente venezuelano Elias Jaua ha confermato di aver tenuto colloqui con Castro e ha mostrato alcune foto dell'incontro. Fino a questo meeting Castro non era stato visto in pubblico da marzo, quando aveva ricevuto papa Benedetto XVI. Da giugno Fidel ha inoltre smesso di pubblicare i suoi articoli, le cosiddette 'Riflessioni', sul quotidiano Granma. "Ho smesso di farlo per non occupare spazio sui giornali, perché ne abbiamo bisogno per altri lavori di cui lo Stato necessita", spiega nel testo scritto per Cubadebate. Il giornale ufficiale Trabajadores riferisce ancora che un funzionario ha ritirato ieri dalla casa di Castro la scheda con la quale ha votato per le elezioni locali; Castro ha così approfittato di un diritto recentemente esteso a tutti i cittadini cubani che non possono presentarsi personalmente nei seggi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata