Coronavirus, Trump accusa l'OMS e taglia i fondi all'agenzia dell'ONU per la salute
Coronavirus, Trump accusa l'OMS e taglia i fondi all'agenzia dell'ONU per la salute

Secondo il Presidente americano l'Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe stata inefficace per contrastare la pandemia

 Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato di voler tagliare i fondi all'Organizzazione Mondiale della Sanità nonostante la pandemia di coronavirus, accusando l'organizzazione di non aver fatto abbastanza per impedire la diffusione del virus quando questi è emerso per la prima volta in Cina. "L'OMS ha fallito nel suo dovere di base e deve essere ritenuto responsabile", ha tuonato Trump durante un briefing con la stampa. Il presidente americano, che aveva anticipato le sue intenzioni la scorsa settimana, ha affermato che l'epidemia avrebbe potuto essere contenuta alla fonte e che avrebbe potuto salvare delle vite se l'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite avesse fatto un lavoro migliore indagando sui primi rapporti che uscivano dalla Cina. Pertanto, Trump ha detto che gli Stati Uniti vogliono monitorare le azioni dell'Oms per fermare il virus prima di prendere qualsiasi decisione sulla ripresa degli aiuti. Gli Stati Uniti hanno contribuito con quasi 900 milioni di dollari al budget dell'Oms per il periodo 2018-19, secondo quanto riporta il sito web dell'agenzia. Ciò rappresenta un quinto del suo budget totale di 4,4 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti hanno fornito quasi i tre quarti dei fondi in "contributi volontari specifici" e il resto in finanziamenti "valutati" come parte dell'impegno di Washington nei confronti delle Nazioni Unite. A una domanda sull'opportunità di tagliare i finanziamenti all'Oms nel mezzo di un focolaio virale a livello mondiale, Trump ha detto che la valutazione durerà dai 60 ai 90 giorni.  "Questo è un periodo di valutazione, ma nel frattempo stiamo bloccando tutti i fondi destinati all'Oms", ha replicato Trump spiegando che gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi con l'Organizzazione mondiale della Sanità nel perseguimento di "riforme significative".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata