Coronavirus: primo caso sospetto in Corea del Nord, Kim impone il lockdown a Kaesong

Pyongyang sinora aveva sempre negato la presenza del virus nel Paese

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha imposto il lockdown nella città di Kaesong, vicino al confine con la Corea del Sud dopo che una persona ha manifestato sospetti sintomi da Covid-19. Se fosse confermato si tratterebbe del primo caso ufficiale di coronavirus in Corea del Nord. Pyongyang ha sempre affermato con fermezza di non avere un solo caso di virus sul suo territorio, un'affermazione messa in discussione da esperti esterni. Il caso sospetto e i relativi contatti sono stati messi in quarantena. Secondo i media statali si tratta di una persona che in qualche modo è riuscita a varcare il confine della zona demilitarizzata con la Corea del Sud tre anni fa, rientrando nel paese il 19 luglio scorso. Il blocco e l'isolamento della città sono stati imposti venerdì.