Continua viaggio migranti verso Austria-Germania Berlino sblocca 3 mld. Francia: Da noi in 24mila

Berlino (Germania), 7 set. (LaPresse/Reuters) - Mentre continua il viaggio dei rifugiati dall'Ungheria verso Austria e Germania, il governo tedesco ha deciso di sbloccare tre miliardi di euro per gli Stati federali e i Comuni per far fronte all'afflusso record di rifugiati e migranti. Nel corso di una riunione durata più di cinque ore, il Governo ha deciso anche un'altra serie di misure fra le quali l'accelerazione delle procedure di richiesta di asilo e la facilitazione di costruzioni adibite a rifugi. Oltre ai tre miliardi di euro per gli Stati e le municipalità, il governo sta pensando di sbloccare altri tre miliardi di euro per finanziare le spese che servono, per esempio, a pagare le prestazioni per i richiedenti asilo.

MERKEL: UN WEEKEND COMMOVENTE. Ieri, un convoglio di circa 140 auto di volontari è partito da Vienna diretto verso l'Ungheria, dove porteranno aiuti ai migranti e li prenderanno con sé per portarli verso l'Austria. La metà più ambita resta la Germania. Angela Mekel, ringraziando i concittadini per gli sforzi, ha così commentato "Alle nostre spalle abbiamo un weekend commovente, in certi casi mozzafiato".

HOLLANDE: FAREMO NOSTRA PARTE. "La Francia è pronta a fare la sua parte". E' questo il messaggio lanciato dal presidente francese Francois Hollande in conferenza stampa all'Eliseo, sull'emergenza immigrazione. "La Commissione Europea proporrà di ripartire i profughi e per la Francia sono previste 24mila persone - ha aggiunto Hollande - Lo faremo perché è il principio per cui la Francia è impegnata, è la proposta che noi stessi abbiamo formulato".

ORBAN: RIDISTRIBUZIONE PREMATURA. Il presidente dell'Ungheria Viktor Orban mantiene, invece, il pugno duro: "E' prematuro discutere della distribuzione della quote di migranti fra i 28 Paesi membri dell'Unione europea. L'Ue dovrebbe dare sostegno finanziario alla Turchia e ad altri Paesi non membri per aiutarli ad affrontare il flusso di migranti"

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata