Connecticut prepara legge armi dopo strage Newtown: aumentano controlli

Hartford (Connecticut, Usa), 2 apr. (LaPresse/AP) - I deputati del Connecticut, Stato americano teatro della strage di Newtown, hanno annunciato un accordo per la legge statale sul controllo delle armi che prevede il divieto di acquistare nuovi caricatori ad alta capacità, richiede controlli sul background degli acquirenti di armi e istituisce un nuovo registro per i caricatori che contengono 10 o più proiettili. Una sorta di compromesso con i parenti delle vittime della sparatoria nella scuola, dove persero la vita 26 persone tra cui molti bambini, che avevano chiesto un divieto totale sull'acquisto e il possesso dei caricatori. Secondo il provvedimento, per comprare ogni tipo di fucile, pistola o munizione sarà necessario un certificato di idoneità rilasciato dallo Stato. Per ottenere il documento, l'acquirente dovrà registrare le proprie impronte digitali, intraprendere un corso di addestramento e sottoporsi a controlli sui precedenti penali.

Si tratta, ha commentato il leader della minoranza del Senato John McKibbey, repubblicano, "del pacchetto più completo del Paese, vista la sua ampiezza". Le persone, aggiunge, tendono a concentrarsi sulle armi d'assalto e sui caricatori ad alta capacità, ma "ci sono un sacco di altre cose" che riguardano la salute mentale, la sicurezza nelle scuole e altre questioni. La proposta è stata rivelata ieri sera dopo settimane di negoziazioni tra i deputati. Il voto è atteso per domani. Ci si attende un ok bipartisan, sia da repubblicani sia da democratici. In caso di approvazione, il provvedimento sarà quindi inviato al governatore Dannel P. Malloy, che ha guidato gli sforzi per rafforzare la legge in materia di controllo delle armi. In questo modo, ha commentato lo speaker della Camera, il democratico Brendan Sharkey, il Connecticut invierà un messaggio a Washington e a tutto il resto del Paese, sul fatto che è "questo il modo di portare a termine un lavoro".

Adam Lanza, il giovane responsabile della strage di Newtown, fece irruzione nella scuola elementare Sandy Hook il 14 dicembre e sparò 154 colpi con il fucile Bushmaster calibro .223 in cinque minuti. Utilizzò sei caricatori da 30 colpi, anche se la metà non furono svuotati completamente. Ieri sei parenti delle vittime hanno fatto visita al Campidoglio, a Hatford, chiedendo ai deputati di introdurre un divieto totale sui caricatori ad alta capacità. Alcuni hanno portato con sé le fotografie dei propri figli uccisi, e hanno quindi consegnato una lettera firmata da 24 genitori. Permettere che caricatori simili ad alta capacità rimangano nelle mani dei proprietari di armi lascerebbe una scappatoia nella legge, commenta Mark Barden, il cui figlio di sette anni, Daniel, rimase ucciso nella strage. "Questo - aggiunge - non impedisce a qualcuno di uscire dallo Stato, acquistarne uno e quindi tornare qui. Non c'è modo di tracciare un acquisto in questo modo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata