Cina, saliti a 43 morti per esplosione miniera carbone, 3 intrappolati

Pechino (Cina), 1 set. (LaPresse/AP) - Sono saliti a 43 i morti per l'esplosione di gas avvenuta mercoledì pomeriggio nella miniera di carbone Xiaojiawan a Panzhihua, nel sudovest della Cina, e tre lavoratori sono ancora intrappolati. Lo riferiscono i media di Stato cinesi, spiegando che i tre ancora sotto terra hanno poche probabilità di sopravvivere perché si ritiene che si trovassero proprio al centro dell'esplosione.

Al momento dello scoppio nella miniera c'erano 154 lavoratori e 108 di loro sono stati riportati salvi in superficie. Dei minatori tratti in salvo, 50 hanno intossicazioni da monossido di carbonio e sono in condizioni critiche. Panzhihua si trova nella provincia di Sichuan. L'agenzia di stampa cinese Xinhua News Agency riporta la testimonianza di un minatore, Xu Changyong, che racconta che poco dopo aver sentito l'esplosione della cenere ha cominciato a venire fuori dal suo compressore ad aria. La maggior parte delle vittime sono morte intossicate per l'inalazione di monossido di carbonio.

Si tratta dell'incidente peggiore avvenuto in miniera in Cina da novembre del 2009, quando 108 persone rimasero uccise in un'esplosione in una miniera nella provincia di Heilongjiang. L'agenzia di stampa Xinhua riferisce che le operazioni di salvataggio in questo caso sono state pericolose per via delle alte temperature all'interno della miniera e dell'alta concentrazione di monossido di carbonio. La miniera è di proprietà della compagnia Zhengjin Industry and Trade e ora i dirigenti sono sotto custodia della polizia per le indagini. Sono 1973 i minatori morti l'anno scorso in incidenti avvenuti all'interno di miniere di carbone in Cina, un bilancio altissima ma in calo del 19% rispetto all'anno precedente. Proprio la scorsa settimana l'amministrazione statale per la sicurezza sul lavoro aveva fatto sapere di avere in programma la chiusura di oltre 600 piccole miniere di carbone, considerate molto più pericolose di quelle grandi, per ridurre il rischio di incidenti e vittime.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata