Cina collauda sistema di difesa laser per abbattere piccoli droni

Pechino (Cina), 4 nov. (LaPresse/Xinhua) - La Cina ha collaudato con successo un'arma al laser in grado di abbattere droni che volano a bassa quota e a bassa velocità. Il sistema riesce a colpire piccoli velivoli entro un raggio di due chilometri, distruggendo l'obiettivo cinque secondi dopo averlo individuato. Lo riferisce un comunicato emesso domenica dall'Accademia cinese di ingegneria fisica, che ha partecipato allo sviluppo dell'arma. Il sistema è progettato per essere rapido, preciso, silenzioso e per colpire i droni che volano sotto i 500 metri di altitudine e a una velocità sotto i 50 metri al secondo, vale a dire 18 chilometri orari. "L'intercettazione di questo tipo di droni è solitamente un lavoro affidato a cecchini ed elicotteri, la cui percentuale di bersagli colpiti non è però molto alta e i cui errori possono causare danni indesiderati", ha detto Yi Jinsong, della Jiuyuan hitech equipment corp. cinese.

Secondo Yi, i droni di piccole dimensioni sono relativamente economici e facili da usare, il che li rende una scelta ideale per i terroristi. Il nuovo sistema laser, che può essere installato sul terreno o trasportato a bordo di veicoli, dovrebbe giocare un ruolo di primo piano nell'assicurare la sicurezza durante i grandi eventi in aree urbane, riporta il comunicato dell'Accademia, affermando che nel collaudo il laser ha colpito il 100% dei bersagli di prova. L'Accademia ha fatto sapere di essere al lavoro su un altro sistema di sicurezza di maggiore potenza e portata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata