Cile, convocato sciopero nazionale dopo 250 arresti nella repressione

Santiago (Cile), 7 ott. (LaPresse/AP) - Sindacati e organizzazioni studentesche in Cile hanno convocato uno sciopero nazionale per il prossimo 19 ottobre per protestare contro la repressione delle manifestazioni di ieri che ha portato a 250 arresti. La leader degli studenti Camila Vallejo ha detto che il governo ha violato la Costituzione dando piena libertà ai poliziotti di attaccare i dimostranti pacifici. Le ha fatto eco il presidente del sindacato Cut, Arturo Martinez, chiedendo a tutte le persone contrarie alla repressione di scendere in piazza il prossimo 19 ottobre. Sindacati e organizzazioni studentesche in Cile hanno convocato uno sciopero nazionale per il prossimo 19 ottobre per protestare contro la repressione delle manifestazioni di ieri che ha portato a 250 arresti. La leader degli studenti Camila Vallejo ha detto che il governo ha violato la Costituzione dando piena libertà ai poliziotti di attaccare i dimostranti pacifici. Le ha fatto eco il presidente del sindacato Cut, Arturo Martinez, chiedendo a tutte le persone contrarie alla repressione di scendere in piazza il prossimo 19 ottobre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata