Chernobyl, aziende cinesi costruiranno una centrale solare
Previsto il prossimo anno l'inizio dei lavori

Due società cinesi stanno pianificando di costruire un impianto a energia a solare nella cosiddetta "zona di alienazione" che circonda il reattore nucleare di Chernobyl, zona alla quale non è consentito l'accesso dall'esplosione del 1986, che portò alla contaminazione dell'area. Gcl System Integration Technology, parte del gruppo Gcl, ha annunciato che collaborerà con China National Complete Engineering Corp al progetto, i cui lavori di costruzione dovrebbero prendere il via il prossimo anno. "Ci saranno notevoli benefici economici e sociali, nel momento in cui proveremo a rinnovare l'area colpita attraverso le energie verdi e rinnovabili", ha dichiarato Shu Hua, presidente di Gcl System Integration Technology, in una nota stampa.

La società presieduta da Shu installerà le componenti solari, mentre China National Complete Engineering Corp, controllata della statale China National Machinery Industry Corp, avrà la responsabilità complessiva del progetto. Gcl System Integration Technology non ha reso noti né i costi né l'esatta collocazione della centrale. Ma un manager della società, che ha chiesto di restare anonimo, ha spiegato a Reuters che il sito è già stato ispezionato più volte dai tecnici. "L'Ucraina ga votato una legge che permette di utilizzare il sito per l'agricoltura e per altre cose", ha dichiarato, sottolineando come questo significhi che le radiazioni sono "sotto controllo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata