Charlie Hebdo, disegnatrice: Assalitori dicevano di essere di al-Qaeda

Parigi (Francia), 7 gen. (LaPresse) - "Sono andata a prendere mia figlia all'asilo, e arrivando davanti alla porta della sede del giornale due uomini incappucciati e armati ci hanno brutalmente minacciato. Volevano entrare, salire. Ho digitato il codice. Hanno sparato contro Wolinski e Cabu. E' durata cinque minuti. Mi ero rifugiata sotto una scrivania... parlavano perfettamente francese e dicevano di essere di al-Qaeda". Questa la testimonianza sull'attacco alla sede di Charlie Hebdo della disegnatrice Corinne Rey, detta Coco, raggiunta al telefono mentre si trovava ancora sul luogo della sparatoria da l'Humanité.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata