Capodanno cinese: al via anno del cane. A Pechino niente botti contro inquinamento
Il Paese si tinge di rosso, colore tipico di questa ricorrenza. Festeggiamenti silenziosi senza botti e petardi

Al via l'anno del cane. In Cina è stata festeggiata nella notte la festa di Primavera, nota comunemente come Capodanno cinese, e si è così passati dall'anno del gallo a quello del cane. Precisamente del cane di fuoco. In base all'astrologia cinese, infatti, a ogni anno vengono associati un segno animale e un cosiddetto 'ramo di terra'.

In Cina la festa è molto osservata: gli abitanti si spostano per gite e riunioni di famiglia e il Paese si tinge di rosso, colore tipico di questa ricorrenza. A Pechino, però, quest'anno non ci sono stati i tradizionali botti e fuochi d'artificio, evitati nell'ambito delle misure contro l'inquinamento. Nella capitale cinese, dunque, i festeggiamenti sono stati insolitamente silenziosi. Forte il contrasto con gli anni precedenti, quando gli abitanti di Pechino accendevano i petardi rossi nei giardini dei palazzi e sui marciapiedi, e i fuochi d'artificio illuminavano il cielo in continuazione. Abitudine che si è scontrata con la decisione, adottata l'anno scorso da 440 città, di impedire l'uso dei botti (a Pechino è vietato da dicembre).

Ogni anno centinaia di milioni di cinesi rientrano nelle regioni di origine per celebrare il Capodanno lunare con le famiglie e si tratta dello spostamento annuale di persone più grande al mondo: dal 1°al 10 febbraio, i passeggeri cinesi hanno già realizzato 732 milioni di spostamenti in treno, auto, imbarcazioni o via aereo, anche se le vacanze sono cominciate ufficialmente ieri, giovedì. Nel 2017 i cinesi avevano realizzato circa 3 miliardi di spostamenti nel periodo del Capodanno lunare. E questo mette ogni anno a dura prova i trasporti, con treni stracolmi di passeggeri, che spesso finiscono per viaggiare in piedi.

In base all'astrologia cinese, i nati nell'anno del cane sono diretti e leali, con un grande senso della giustizia, ma sono noti per essere anche testardi, irascibili e facilmente irritabili. Il presidente Usa Donald Trump è nato nel 1946, anno del 'cane di fuoco', ma nonostante il 2018 sia un anno del 'cane di terra' un mall nel nord della Cina ha deciso di dare il benvenuto al nuovo anno con una statua gigante di un cane con i capelli in stile Trump, le sopracciglia inarcate e un indice alzato. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata