California, sparatoria in centro bellezza: 8 morti

Seal Beach (California), 13 ott. (LaPresse/AP) - Sono saliti a otto i morti a causa della sparatoria avvenuta in un salone di bellezza a Seal Beach, nel sud della California. Il sergente Steve Bowles della polizia di Seal Beach ha comunicato infatti che due delle tre persone che erano state traportate in ospedale in condizioni gravi sono morte. Un uomo armato ha aperto il fuoco nel Salon Meritage intorno alle 13.30 ora locale, poi è salito su un'auto ed è scappato, ma a meno di un chilometro è stato fermato e arrestato.

L'uomo, il 42enne Scott Evans Dekraai, è l'ex marito della parrucchiera Michelle DeKraai, che lavorava nel salone di bellezza e, secondo quanto riferisce una testimone, i due erano coinvolti da anni in una pesante disputa sulla custodia dei figli. "Supponiamo che dietro la sparatoria potrebbe esserci la relazione dell'uomo con qualcuno che lavora nel centro di bellezza", aveva detto il sergente di polizia Steve Bowles poco dopo la sparatoria.

Al momento dell'arresto il responsabile, originario di Huntington Beach, non ha opposto resistenza e ha confessato, fra l'altro, di avere con sé molte armi. I vicini lo descrivono come una persona molto aperta e gioviale. Immagini mandate in onda in tv mostrano l'uomo in manette che viene portato via da una pattuglia circa due ore e mezza dopo la sparatoria. A Seal Beach è avvenuto un solo altro omicidio negli ultimi quattro anni e la sparatoria del Salon Meritage ha scosso la calma della cittadina di 25mila abitanti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata