Caldo, Europa rovente: 2 morti in Spagna, temperature fino a 45°
La canicola potrebbe calare leggermente nel fine settimana in alcune zone ma toccare un nuovo picco tra lunedì e martedì

Continua l'ondata di caldo in Europa, con le temperature salite sino a 45 gradi in alcune zone. Secondo le previsioni, la canicola potrebbe calare leggermente nel fine settimana in alcune zone ma toccare un nuovo picco tra lunedì e martedì. Il record in Europa fu registrato nel 1977 ad Atene, quando la colonnina di mercurio salì a 48 gradi, dato seguito dai 47,3 gradi ad Amareleja in Portogallo nel 2003 e lo scorso anno a Montoro in Spagna. In quest'ultimo Paese, dove due uomini sono morti questa settimana per colpi di calore,secondo le previsioni è uno dei giorni più caldi dell'estate, con temperature attorno ai 44 gradi a Badajos, al confine con il Portogallo, 42 gradi a Siviglia e 40 a Madrid.

Il Portogallo giovedì ha registrato 45 gradi ad Alvega, 150 chilometri a nord di Lisbona. L'ondata di caldo raggiungerà il suo picco sabato, secondo l'istituto meteo lusitano. Mentre nessun grave incendio è sinora stato segnalato nel Paese, i servizi d'emergenza rimangono in allerta massima e il ministro dell'Interno, Eduardo Cabrita, ha dichiarato una politica di "tolleranza zero" sulle attività che comportano il rischio di causare incendi, come i barbecue. I tour operator, come Thomas Cook e Alltours, hanno dichiarato all'agenzia di stampa tedesca Dpa che le prenotazioni last-minute per le destinazioni sul Mediterraneo sono in calo, perché i vacanzieri scelgono di andare a cercare temperature più fresche sul mare del Nord e sulle coste baltiche.

In Olanda, dove l'ondata di caldo è la più duratura mai registrata, le temperature raggiungeranno i 35 gradi, e sono stati registrate carenze d'acqua, nonostante per ora le scorte di acqua potabile non siano a rischio. Con precipitazioni quasi pari a zero da maggio, la Svezia ha sperimentato il luglio più caldo da 250 anni, con siccità e alte temperature che hanno contribuito alla diffusione di incendi, anche al circolo artico, poi domati. Un ghiacciaio sulla montagna Kebnekaise si è sciolto così velocemente che la montagna non è più la più alta della Svezia: un fatto che alimenta le preoccupazioni sul rapido cambiamento climatico e sulle sue conseguenze. Tuttavia, secondo i metereologi gli svedesi potrebbero prendere fiato sabato, quando le temperature dovrebbero rinfrescarsi anche grazie a temporali.

In Francia, la colonnina di mercurio ha superato i 40 gradi per la prima volta quest'estate, mentre milioni di persone sono in viaggio per le vacanze. Il caldo persisterà la prossima settimana. Ampie parti del Paese sono state dichiarate in allerta, mentre il ministero della Salute ha lanciato una campagna tv e radio per allertare gli abitanti dei pericoli di quella che sarà la più intensa ondata di caldo dal 2006. Ma per il servizio Meteo France le condizioni non sono così pesanti come nell'agosto 2003, quando la canicola durata vari giorni causò più di 11mila morti.

Nel Regno Unito, il caldo ha avuto conseguenze sulle vendite al dettaglio, calate dell'1,1% a luglio, secondo Bdo. L'autorità per la sicurezza stradale del Belgio Vias ha riferito intanto un aumento degli incidenti stradali: "Il numero medio di incidenti è del 15% maggiore durante l'ondata di caldo e gli incidenti sono più gravi", ha affermato il portavoce Stef Willems, citato dai media locali. In Polonia, 250 persone sono morte annegate dall'inizio di aprile, di cui 75 nel solo mese di luglio, mentre cercavano sollievo al caldo nell'acqua. La polizia ha dato la colpa a nuotate in zone non controllate, effettuate da persone intossicate da alcol. A Roma, in occasione dell'ondata di caldo prevista per il 2 agosto, le autorità hanno organizzato la distribuzione di 10mila bottiglie d'acqua nele ore centrali della giornata. Secondo Legambiente, tra 2005 e 2016 le ondate di calore hanno causato quasi 24mila morti nelle città italiane, mentre Coldiretti ha calcolato un amento del 20% degli acquisti di frutta e verdura negli ultimi 10 giorni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata